14/08/2022velature sparse

15/08/2022pioviggine e schiarite

16/08/2022parz nuvoloso

14 agosto 2022

Oderzo Motta

Mansuè, padre Cosma Spessotto sarà proclamato beato

Originario di Mansuè, nel 1980 il religioso venne ucciso da due sicari a San Salvador

|

|

MANSUÈ - Dopo anni di attesa, ieri la notizia: padre Cosma Spessotto, originario di Mansuè e martire in Salvador, sarà proclamato Beato. Sacerdote francescano è stato ucciso in odio alla fede il 14 giugno del 1980 a San Juan Nonualco.

«Morire martire - aveva scritto poco prima di morire - sarebbe una grazia che non merito».

Era un presentimento accompagnato anche dalla decisa volontà di perdonare chi lo avrebbe ucciso. «Già da questo momento perdono e domando al Signore la conversione degli autori della mia morte».

Quella di padre Cosma Spessotto, che sarà proclamato Beato, è una vita dedicata a Dio e all’annuncio del Vangelo. Nato il 28 gennaio del 1923 in una famiglia numerosa a Mansuè, sente nel proprio cuore fin da giovanissimo la chiamata del Signore. A 12 anni entra nel seminario francescano. Il 27 giugno del 1948, giorno in cui si celebra la Festa della Madonna del Perpetuo Soccorso, viene ordinato sacerdote nella Basilica della Madonna della Salute a Venezia.

Affida il suo sacerdozio a Maria ed esprime il desiderio di partire come missionario per la Cina. Ma la situazione politica lo impedisce e nel 1950 salpa dal porto di Genova per El Salvador. Prima di arrivare in questo Paese del Centro America, all’epoca uno dei più poveri della regione, trascorre 20 giorni scanditi dalla preghiera in compagnia di altri missionari – tutti giovani – decisi a servire Dio e ad annunciare il Vangelo.

Per 27 anni, fino al martirio, è parroco a Nonualco.

Quando arriva in Salvador in questa località incastonata tra le montagne, trova una chiesetta fatta di mattoni e paglia. Fa costruire la nuova chiesa e fonda la scuola parrocchiale per oltre mille bambini. Organizza corsi di taglio e cucito per le donne del paese e visita spesso i villaggi intorno alla sua parrocchia. A tutti ripete che la vocazione di ogni cristiano è quella di farsi santo. In quegli anni il Salvador, lacerato da una guerra civile, è scosso dalla violenza. Padre Cosma aiuta tutti indistintamente e indipendentemente dalla loro appartenenza politica. Si oppone ad ogni tentativo di strumentalizzazione. Gli unici suoi autentici riferimenti sono il Vangelo e il prossimo bisognoso di aiuto e di ricevere la Parola del Signore. Non si piega ad alcuna pressione. Per questo, viene ucciso da due sicari il 14 giugno 1980, lo stesso anno del martirio dell’allora arcivescovo di San Salvador, monsignor Oscar Romero.

L’omicidio di padre Cosma avviene pochi minuti prima della Messa. È un evento drammatico che il missionario francescano aveva già previsto. «Ho il presentimento - scriveva padre Cosma qualche giorno prima di morire - che da un momento all’altro persone fanatiche mi possano togliere la vita. Il Signore, nel momento opportuno, mi conceda la forza per difendere i diritti di Dio e della Chiesa. Morire martire sarebbe una grazia che non merito. Lavare con il sangue versato per la causa di Cristo tutti i miei peccati, difetti e debolezze della vita passata sarebbe un dono gratuito del Signore. Già da questo momento, perdono e domando al Signore la conversione degli autori della mia morte».

fonte: Vatican News

Presso la Cappella dell’Addolorata nel Santuario della Madonna dei Miracoli di Motta di Livenza, sono esposti in una vetrinetta alcuni effetti personali di padre Cosma Spessotto: l’abito, il crocifisso, i libri di preghiera.
 

 



Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

03/08/2017

"Padre Cosma presto Beato"

Questa la richiesta, votata all'unanimità, da parte del Consiglio comunale di Mansué, comune dove il religioso, martirizzato nel 1980, nacque nel 1923

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×