13 luglio 2020

LA MALATTIA

Categoria: Persone -

immagine dell'autore

Carlo Piasentin | commenti | (6)

LA MALATTIA Tut al mal no ‘l vién par far mal.
Bisogna star mal par dopo star mèjo.
No l’é tut al mal che se credéa.

Versione di mio padre:

No l’è tut al mal che se speréa.


Mi sono venuti a mente questi tre vecchi proverbi sul male, inteso come malattia, quando ho letto la notizia che anche i due avvocati di Dell’Utri si sono ammalati (per simbiosi?), speriamo solo che anche i Giudici non marchino visita.
Comunque vada sembra che questo processo sia nato … ammalato.
Qualcuno ha ventilato l’idea di trasferire armi e bagagli in Libano, anche per evitare l’estradizione di Dell’Utri che, dicono, può essere più complicata che trasferire lì il processo.

 

Sóto cura

Dell’Utri l’é in Libano par curàrse
e i so avocati al par che nel ma.àrse
i àpie voést ai Giudici comunicàr
che ànca ‘l procés al síe da curàr.



Commenta questo articolo


Naturalmente le carte per l'estradizione devono arrivare in Libano entro 30 gg. Altrimenti: ciao!

Scommettiamo che il tribunale non riesce a pronunciare la sentenza entro i tempi?

E che ci dice, SOMMO QUASIPOETA , della assegnazione ai servizi sociali (ben 4 h alla settimana per 10 mesi) del buon Silvio?

segnala commento inopportuno

Esimio Michele, innanzi tutto che Dell'Utri e Berlusconi sono legati a triplo filo e quindi, ognuno, tiri le sue conclusioni.

Berlusconi
Sono un anziano disabile, lui un condannato,
ma se si ritirasse a vita privata sarei motivato.

Silvio giustiziaèfatta
Quattro ore alla settimana in un Ospizio si dedicherà
in modo che a Cesano Biscone ogni anziano lo voterà.

segnala commento inopportuno

Correzione, mi è scivolato un "che" in più. Perciò:

Esimio Michele, innanzi tutto Dell'Utri e Berlusconi sono ...

segnala commento inopportuno

4 ore alla settimana in un centro anziani dove ci sono persone più giovani di lui che stanno lì 24ore su 24.

segnala commento inopportuno

Non sono un forcaiolo, ma non ho mai capito come si faccia a mettere gente in galera per spaccio, prostituzione, furto e decine di altri reati quando gli stessi reati, o ben peggiori, vengono commessi regolarmente da persone "del potere". E la galera alimenta solo rancore e livore nei carcerati perché sanno benissimo che il loro furto, esempio, è nulla rispetto al furto di potenti o banche. E quelli condannati per mano armata sanno bene che lo Stato vende armi a Paesi in guerra.

Comunque... Su Berlusconi, la cosa più evidente è che invece di 1 anno di carcere fa meno di 1 mese al Sacro Cuore. La metà delle volte sarà malato, come nei suoi processi, e quindi se la cava con una decina di "presenze". Sì. Presenze... perché voglio ben vedere chi del Sacro Cuore avrà il coraggio di fargli pulire culi o pannoloni. E mi viene un dubbio. Al Sacro Cuore ci sono solo vecchie suore o anche giovani infermiere? Perché nel caso si ricomincia tutto da capo :-)

segnala commento inopportuno

Ricorda il Saggio del Monte: “La giustizia è uguale per tutti ma non tutti sono uguali per la giustizia”.
Peròperò, o Illustrissimi, nel caso di specie è facile far dello spirito e del cinismo, ma al posto del giudice voi che avreste deciso considerando che era in gioco la cruciale sopravvivenza del governo Fonzie?

Mica potevano sbattere il sedicente “Unto dal Signore” in una cella sovraffollata, senza condizionatore, la turca incrostata a fianco del fornelletto, nel braccio dei sodomiti sieropositivi! a quest’ora Matteo il Chiacchierone era già tornato a Firenze in bicicletta…

Conclude il Saggio del Monte: “Con l’ingiustizia, tutto sommato, si riesce a convivere; insopportabile può essere la giustizia”.

PS: intanto il bibliofilo Dell' Utri dalla cella del commissariato è già stato trasferito in una assai più confortevole cameretta d'ospedale. Dicono che è un po' depresso.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×