28/06/2022pioggia e schiarite

29/06/2022nubi sparse e temporali

30/06/2022nubi sparse

28 giugno 2022

Treviso

La mafia a tavola: "Un business che supera i 24miliardi di euro"

Coldiretti Treviso mette in guardia: "Massima allerta anche nella Marca"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

agroalimentare

 TREVISO - “Dal pesce alla pasticceria l’agroalimentare è diventato un settore prioritario di investimento della malavita con un business criminale che ha superato i 24,5 miliardi di euro”. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento all’operazione della Direzione Investigativa Antimafia  nei confronti di persone accusate di far parte dell'ndrangheta finalizzata ad acquisire la gestione e il controllo di attività economiche nel settore agroalimentare, dall’ittico alla pasticceria.

"La criminalità comprende la strategicità del settore in tempo di crisi economica perché – continua Coldiretti Treviso – consente di infiltrarsi in modo capillare nella società civile e condizionare la via quotidiana della persone. Non solo si appropriano di vasti comparti dell’agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l’imprenditoria onesta, ma compromettono in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l’effetto indiretto di minare profondamente l’immagine dei prodotti italiani ed il valore del marchio Made in Italy.

Con i classici strumenti dell’estorsione e dell’intimidazione le agromafie impongono l’utilizzo di specifiche ditte di trasporti, o la vendita di determinati prodotti agli esercizi commerciali, che a volte, approfittando della mancanza di liquidità, arrivano a rilevare direttamente grazie alle disponibilità di capitali. Nemmeno la Marca trevigiana può dormire sonni tranquilli di fronte a questi fenomeni". Per questo Coldiretti Treviso supporta l'Osservatorio delle Agromafie e vigilia sul territorio.  

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×