01/07/2022velature sparse

02/07/2022poco nuvoloso

03/07/2022poco nuvoloso

01 luglio 2022

Castelfranco

L'indignazione del sindaco di San Zenone: "Ritardi assurdi nel completamento dell’opera complementare della Pedemontana"

Fabio Marin spiega che quanto previsto in via Boschier a Ca’ Rainati non è stato ancora completato per un errore progettuale

| Margherita Zaniol |

| Margherita Zaniol |

Pedemontana a San Zenone

SAN ZENONE DEGLI EZZELINI - "Doveva essere pronta già qualche mese fa ed invece chi frequenta Ca’ Rainati si trova spesso e volentieri a dover zigzagare tra il cantiere stradale di via Boschier o attendere il semaforo o il via del moviere per poter proseguire verso il centro oppure verso Fonte o Loria". Inizia così il comunicato del Comune di San Zenone degli ezzelinni che spiega la situazione venutasi a creare con il cantiere lungo la SP 109 di via Boschier a Ca’Rainati, dove la SIS sta seguendo i lavori di realizzazione della pista ciclabile e della nuova intersezione con la SP 20, previste quali opere collaterali del vicino casello superstradale della SPV.

I lavori, iniziati a giugno dello scorso anno, sarebbero dovuti finire dopo qualche mese, invece, a distanza di quasi un anno, la strada risulta ancora sottosopra con disagi per i residenti e conducenti. “Più che un cantiere, quello in corso a Ca’ Rainati sembra un’agonia - commenta il sindaco, Fabio Marin, già irritato per le promesse non ancora mantenute dalla Regione riguardo le opere compensative da realizzare a San Zenone, in particolare con la realizzazione della rotatoria in centro, non ancora avvenuta -. Già dopo qualche mese dall’avvio dei lavori il cantiere versava in un’evidente situazione di stallo causato dall’imprevista necessità di realizzare i lavori di sostituzione dell'intera rete del gas metano.

Come se non bastasse, da marzo abbiamo iniziato a ricevere ripetute segnalazioni da parte di cittadini e autotrasportatori che lamentavano la chiara difficoltà a percorrere il tratto oggetto dei lavori in contemporanea con un altro camion. In pratica, con la nuova pista ciclopedonale a est, due mezzi pesanti che si incrociavano non riuscivano a transitare normalmente ma solo a passo d'uomo, piegando gli specchi retrovisori e in più di qualche caso andando ad invadere le nuove cordonate dove fin da subito si sono iniziate a notare numerose impronte di pneumatici. E’ chiaro che si tratta di un grave errore cui va posto immediato rimedio da parte della Regione coordinandosi con la Provincia, considerato che è proprietaria della strada. Intanto subiamo questi disagi senza che sia posta una soluzione adeguata alla sicurezza dei miei cittadini”.

 



Margherita Zaniol

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

01/03/2022

Che sorpresa i fiocchi di neve!

Il fenomeno del Dew Point, cioè la “temperatura di rugiada”, si è verificato sulla linea di demarcazione delle Prealpi

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×