21/05/2024pioggia forte

22/05/2024possibili temporali

23/05/2024nubi sparse e temporali

21 maggio 2024

Cronaca

Libia, italiani rapiti da criminali non da terroristi

|

|

Libia, italiani rapiti da criminali non da terroristi

I quattro italiani rapiti in Libia sono in mano a criminali che cercano un riscatto in denaro. Mentre l'ipotesi dei terroristi sembra da scartare. E' quanto emerge dal Copasir, dopo l'audizione di ieri pomeriggio di Marco Minniti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega per la sicurezza della Repubblica, in cui l'organismo parlamentare ha fatto il punto sulla vicenda che riguarda i quattro tecnici italiani della ditta di costruzioni Bonatti rapiti mentre rientravano dalla Tunisia a Mellitah, nella zona di Sebrata.

La vicenda dei quattro lavoratori italiani rapiti vede al lavoro l'intelligence in un paese dove tradizionalmente i servizi italiani hanno buone relazioni, ma il rischio da evitare e l'allungamento della prigionia, con il rischio di arrivare a cessioni degli ostaggi a altri gruppi, magari terroristi. Sono questi gli scenari di riferimento, con i rischi ventilati di una escalation, che sono stati analizzati a San Macuto durante l'audizione presso il Copasir, di Marco Minniti, sottosegretario con delega ai servizi. L'obiettivo di quanti sono al lavoro per risolvere la questione, è di riuscire a fare tutto in tempi brevi, e per questo, gli attori in campo hanno scelti di muoversi con riservatezza.

In ogni caso, lo scenario di un possibile scambio con scafisti, ammessa la remota ipotesi che da parte dei sequestratori emerga questa richiesta non è assolutamente percorribile, né accettabile.

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

immagine della news

27/02/2024

Famiglia liberata in Mali

Prima di loro Luca Tacchetto e la compagna canadese Edith Blais, padre Pier Luigi Maccalli e Nicola Chiacchio

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×