28 novembre 2020

Esteri

Libano, l'imprenditore Victor Trad: "Cristiani potrebbero emigrare verso Europa o Usa"

"Questa tragedia è avvenuta dopo una crisi economica spaventosa"

|

|

Beirut chiesa distrutta

LIBANO - "Aspettiamo la versione ufficiale di quanto accaduto. Ma già da tempo era stata denunciata la presenza di depositi di armamenti. Sono preoccupato, anzi preoccupatissimo, l'esplosione nella città di Beirut mina la convivenza tra i popoli. C'è il rischio che la popolazione cristiana, il cui quartiere è stato particolarmente danneggiato, possa emigrare verso l'Europa o gli Stati Uniti. Ma sono altresì convinto che il mondo aiuterà il Libano.

Il vostro Paese dove studiano molti giovani libanesi, è per esempio il secondo partner commerciale del Libano. Speriamo che gli aiuti arrivino, che tutti aderiscano all'appello del nostro presidente e che soprattutto i soldi, una volta giunti, possano essere ben spesi". E' quanto ha dichiarato all'Adnkronos, Victor Trad, imprenditore, a capo della società Medio Import-Export che fornisce di prodotti tipici locali il nostro Paese, dal Quirinale ai grandi alberghi a cinque stelle.

"Questa tragedia è avvenuta dopo una crisi economica spaventosa e al fallimento di un Paese dovuto alla cattiva gestione dei nostri governanti. Purtroppo in Libano - ha aggiunto Victor Trad - non esiste più la classe media e i nostri giovani studenti all'esterno non possono utilizzare le loro carte di credito. Anche le nostre banche sono fallite".

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×