30 ottobre 2020

Treviso

Letture telefoniche agli anziani durante il lockdown

La psicoterapeuta Lucia Tamai di Silea: “Una iniziativa encomiabile: libera l’anziano dal senso di solitudine, di trascuratezza e di abbandono”

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

Letture telefoniche agli anziani durante il lockdown

SILEA - La storia è ambientata in uno dei Paesi tuttora più in sofferenza per la pandemia: la Spagna. Ma è una bella storia. Racconta di un libraio che prima dell’Età del Coronavirus radunava ogni una o due settimane i propri clienti per leggere loro dei libri; e per discuterne insieme poi, davanti a un tazza di caffè o a una bibita. Il lockdown, da un brutto giorno in poi, ha chiuso tutti dentro casa e più i giorni si sommavano noiosamente in un calendario interminabile, più si avvertiva la mancanza e poi il bisogno di quel leggere insieme.

 

E così il libraio, senza la briga di link, zoom e google meet, ha incominciato a telefonare ai più anziani dei suoi clienti abituali, che poi erano rimasti i più soli. Venti minuti, al cellulare, con ognuno, ogni giorno per tutti i giorni della chiusura totale: qualche paginetta di un libro scelto dall’anziano oppure consigliato; quattro chiacchiere prima di salutarsi e darsi appuntamento l’indomani. Ne ha parlato “El Pais”. Alcuni lo hanno imitato. La chiamano, in termini tecnici, biblioterapia. Certamente ha permesso a molte persone avanti con gli anni di superare un momento difficile, con possibili ripercussioni anche importanti sullo stato psicofisico.

 

Lucia Tamai è una psicoterapeuta che nel suo studio si Silea incontra anche pazienti di una certa età. “Una iniziativa encomiabile: a livello sociale, perché libera per un po’ l’anziano dal senso di solitudine, di trascuratezza e di abbandono in cui molti di loro si trovano a vivere, creando un ponte tra generazioni che spesso è ciò che gli anziani desiderano di più; a livello cognitivo, l’ascolto del libro è uno stimolo che contrasta il decadimento cognitivo con effetti positivi a livello psicologico grazie alle sensazioni e alle emozioni che l’ascolto delle storie narrate comporta”.

 

Qualcosa di simile all’esperienza spagnola è stata fatta anche da noi in Italia, nei primi anni Sessanta: il maestro e scrittore Gianni Rodari raccontava le storie alla figlia, ogni sera, per farla addormentare. Spesso però si trovava lontano. Così nacquero le “Favole al telefono”.

 



foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×