26 settembre 2020

Le palle di Clooney

Categoria: Persone - Tags: George; george Clooney

immagine dell'autore

Emanuela Da Ros | commenti | (5)

Finalmente Qualcuno che dichiara di avere le palle tirate!

Ri-eccolo l'Eroe dei Nostri Tempi Smunti. Ri-eccolo il George Clooney sul quale  noi Donne abbiamo stabilito che era a sua immagine e somiglianza che andava fatto Adamo.

Era sparito per un po', ma oggi sappiamo perché.

Georgino era stato lontano da noi, non per aver tentato di fare film che si sono rivelati di una noia micidiale (vi hanno fatto sbadigliare di più i monologhi di Monti o le Idi di Marzo di Clooney?), ma perché doveva lisciarsi la pelle dei testicoli.

In un'intervista al settimanale pseudomaschile Max, il Giorgino figo oltre ogni ragionevole limite d'età ha dichiarato di essersi sottoposto a un intervento di ball ironing, ovverosia di "stiraggio dei testicoli".

Una pratca estetica che a suo tempo pare abbia sperimentato anche quell'attore materassibile di Nick Nolte.

A quanto si mormora tra una pagina e l'altra di indiscrezioni amplificate, negli Stati Uniti va di moda farsi tirare le palle. Il maschio-di-una-certa-età va dal chirurgo, si sdraia sul lettino e si lascia drenare e lisciare i gioiellini di famiglia, gli orecchini pendenti nelle parti basse. Poi si guarda allo specchio, vede che le palle reggono, paga il conto, si mutanda e prende l'anda. Cioè se ne va per il mondo, con la consapevolezza che dietro la patta delle braghe non ci sono rughe.

Ora sappiamo che Giorgino Clooney è liscio come un fazzoletto di seta. Sappiamo che, smutandandolo, i suoi diamantini penzoleranno appena, trattenuti come sono da un lifting fatto come plastica comanda.

E la cosa ci rincuora. Ci colma di soddisfazione, se. Se non fosse per un dubbio troppo scortese: se Giorgino si è fatto stirare le palle, vuol dire che non aveva le palle piene. Se ha liftato la pelle che avvolgeva le suo nocciole, significa che queste sballonzolavano dentro un sacchetto troppo ampio; che Giorgino aveva una confezione/contenitore inadeguata al contenete. Che le sue palle erano un po' come...la sacca di noci di Fra' Galdino prima che Lucia (quella dei Promessi Sposi) gliela riempisse. Fra' Galdino, nel romanzone nostrano, andava alla cerca. Giorgino, nel minestrone mediatico contemporaneo, va alla riduzione, allo stiracchiamento.

Non cerca di riempire, ma di fare aderire pelle e palle, perché la bolla sia bella, perché la ruga sia riga. E cada (ma non troppo) a pennello.

 



Commenta questo articolo


Complimenti per la finezza dell'articolo e per il linguaggio forbito!

segnala commento inopportuno

Di forbito, nella faccenda, ci sono gli attributi di Clooney. Difficile rivestirli troppo elegantemente, anche se sono stati stirati. Avrei potuto far passare la notizia sotto silenzio, magari. Ma, in fondo in fondo, ho ritenuto che rispecchiasse così bene il talento dei nostri tempi da darle lo spazio (esiguo) che merita: un post(icino) nel mio blog.

segnala commento inopportuno

Mi piace la tua ironia, Emanuela, e Clooney la merita tutta. Mi son chiesto però se, con i tempi che corrono, fosse questo tema fosse meritevole dello sforzo di scriverci un pezzo. E forse si, tutto sommato, almeno così ci siamo fatti un sorriso ... così abbiamo dimenticato le preoccupazioni per cinque minuti.

segnala commento inopportuno

A nessuno è venuto in mente che forse si tratta solo di una bufala? E' uno scherzo che tra l'altro aveva già fatto qualche anno fa... E gli allocchi ci cascano ancora!

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×