03/07/2022poco nuvoloso

04/07/2022pioggia debole e schiarite

05/07/2022pioggia debole e schiarite

03 luglio 2022

Altri sport

Altri sport

L’Italia conquista la vittoria nella staffetta mista Junior della Europe Triathlon Cup di Caorle

Il monzese Previtali (davanti al Silca Spinazzè) e la veronese Gelmini vincono Triathlon Sprint

|

|

L’Italia conquista la vittoria nella staffetta mista Junior della Europe Triathlon Cup di Caorle

CAORLE - La Europe Triathlon Cup di Caorle (VE) si chiude con la staffetta mista Junior che vede trionfare l’Italia, composta da Euan De Nigro, Myral Greco, Fiorenzo Angelini e Matilde Locatelli. Sul podio, al secondo posto, la Svizzera e al terzo l’Austria. In avvio di mattinata sono gli 80 under 20 dei venti team in gara a tuffarsi nelle acque del mar Adriatico di fronte a Piazzale Portesin, a salire in bicicletta per la frazione di ciclismo e a correre tra Porto Santa Margherita e Altanea. Un’occasione unica per i giovani (e anche per i loro coach) per confrontarsi con i coetanei di tutto il Vecchio Continente in una gara a staffetta mista, nell’ordine uomo, donna, uomo, donna che hanno affrontano, ciascuno, una frazione di nuoto di 300 metri, una di ciclismo di 6,3 km e una di corsa a piedi di 1,5 km. Nel pomeriggio poi il Triathlon Sprint Rank Gold Città di Caorle, che ha visto la vittoria del 23enne monzese Thomas Francesco Previtali e della 27enne veronese Lilli Gelmini (Asd Revelo). Secondo posto per Elisa Marcon (Cus Pro Patria Milano) e per l’atleta di casa Silca, campione mondiale under 23 di triathlon cross, Federico Spinazzè e terzo posto per Alice Alessandri (TD Rimini) e per il francese Simon Falbriard (Cuneo 1198).
Un bilancio di un migliaio di atleti che, da venerdì 13 maggio a oggi, domenica 15 maggio, hanno colorato Porto Santa Margherita e Altanea per un grande evento internazionale organizzato da Silca Ultralite Vittorio Veneto, sotto l’egida di Europe Triathlon, in collaborazione con il Comune di Caorle e la FiTri. Nel palmarès europeo, le vittorie Junior per l’azzurro Euan De Nigro e per la svedese Tilda Mansson e il trionfo tra gli Élite per l’azzurra Carlotta Missaglia e lo svizzero Max Studer nelle gare disputate ieri, sabato, e trasmesse in diretta streaming in inglese sui canali di Silca Ultralite Triathlon e triathlonlive.tv e in italiano sul canale Fitri.
 
La terza giornata della Europe Triathlon Cup è quella caratterizzata dalla staffetta mista. Alle 9.30 lo start. Ad uscire per primi dall’acqua sono i portacolori dell’Ungheria (Kovacs) e dell’Italia (De Nigro). I due hanno un po’ di vantaggio sugli immediati inseguitori, ma già alla fine del primo dei due giri in bici il gruppo si ricompatta. Dopo la frazione di corsa, a dare il cambio per prima è la Svizzera, con a poca distanza anche le azzurre dei due team italiani. Nella seconda “parte” che vede in “corsa” le donne, si forma un terzetto composto da due formazioni svizzere e dall’Italia 1. Il terzo frazionista azzurro (Angelini) si lancia in un grande recupero nel nuoto e dopo 300 metri esce per primo dall’acqua, lasciandosi alle spalle i due svizzeri che lo precedevano. L’azzurro non riesce però ad allungare in bici e in T2 entra primo lo svizzero Schnider. Angelini però non molla, lo tallona e nel chilometro e mezzo di corsa riesce a superarlo, dando il cambio per primo a Locatelli che nel nuoto mantiene il vantaggio come pure nella prima parte del ciclismo. Da dietro sopraggiungono Svizzera e poi anche Austria. In T2 Locatelli lancia la volata, inseguita dall’austriaca Huys e dalla svizzera Gross. L’azzurra spinge a più non posso e taglia per primo il traguardo, sigillando così la terza vittoria italiana in tre giorni di gara. Sul secondo gradino del podio sale la Svizzera, seguita poi al terzo dall’Austria.
“Tre giorni in cui il triathlon europeo ha parlato il dialetto di Caorle – commenta il presidente della Federazione Italiana di Triathlon, Riccardo Giubilei – abbiamo assistito a una manifestazione di livello altissimo, con atleti da tutto il mondo, la gara di Europe Triathlon Cup più partecipata, con numeri da capogiro. Tra l’altro, un ponte ideale tra i migliori ragazzi del continente, gli Junior, e gli Élite. E poi il tripudio azzurro con il primo posto di Carlotta Missaglia, di Euan De Nigro e della staffetta Junior, che premia il lavoro appassionato e competente dei tecnici della nazionale. Caorle è ormai una location particolarmente cara alla Federazione Italiana di Triathlon e anche ad Europe Triathlon. Lo scorso anno proprio Caorle era stata la manifestazione con la quale aveva ripreso dopo le chiusure legate al Covid, quest’anno c’è stata la consacrazione”. “È stata un’esperienza fantastica – riferisce Martin Breedijk, vicepresidente Europe Triathlon - ci sono state delle bellissime gare, il tutto è stato molto ben organizzato e infatti vorrei ringraziare tutti per aver reso quest’esperienza possibile. E soprattutto oggi con le staffette ho visto un sacco di volti felici tra i giovani ed è molto bello visto che loro sono il nostro futuro”.
 
Poco dopo mezzogiorno è poi toccato alle donne del Triathlon Sprint Rank Gold Città di Caorle. Una cavalcata solitaria per Lilli Gelmini, la 27enne veronese, favorita della vigilia e già vincitrice lo scorso anno proprio sul traguardo di Porto Santa Margherita. Uscita prima dopo i 750 metri di nuoto, la portacolori dell’Asd Revelo ha pedalato forte, aumentando, giro dopo giro (per un totale di 20 chilometri), il vantaggio nei confronti delle immediate inseguitrici, Elisa Marcon e Denise Cavallini (Lucca Triathlon), che poi sono state raggiunte da altre sette atlete. Per Gelmini poi i 5 chilometri finali prima di alzare le braccia sul traguardo. Dietro di lei Marcon e Alice Alessandri, giovanissima portacolori del TD Rimini che aveva già partecipato alla gara Junior della Europe Triathlon Cup. “Sono felice per aver bissato la vittoria del 2021 – afferma la vincitrice Lilli Gelmini – ho scelto di indossare la muta che oggi era facoltativa e ho fatto bene. Nel nuoto sono subito riuscita ad andare in testa, poi anche in bicicletta è andata bene. Nel primo giro della frazione di corsa ho avuto un certo timore di poter essere recuperata, quindi ho spinto bene. Ma il vantaggio che avevo accumulato era tanto e nessuna è riuscita a recuperarmi. Vengo sempre volentieri a Caorle, è una gara molto bella e ben organizzata e poi sono affezionata alle manifestazioni targate Silca Ultralite Vittorio Veneto, infatti ci sarò anche in Alpago per il Triathlon Sprint sul lago di Santa Croce”.
 
Alle 14.00 l’avvio della gara maschile. Dopo i 750 metri di nuoto a guidare il gruppo è Marco Lorenzon (A3) seguito da un drappello di inseguitori. Nella zona cambio l’atleta di casa Silca, Federico Spinazzè, viene ritardato da un problema con la muta (che resta incastrata alla bicicletta). Proprio l’azzurro del triathlon cross si lancia all’inseguimento e alla fine del primo dei tre giri di ciclismo recupera il gap e guida il gruppo ormai ricompattato. I vari tentativi di fuga non vanno a buon fine e in zona cambio per la transizione 2 sono ancora tutti lì. La gara si decide nella frazione di corsa a piedi, quando, dopo poche centinaia di metri, a mettersi in testa, e a non perdere più il comando, è Previtali, che sul traguardo si lascia alle spalle Spinazzè e il francese Falbriard.“Sono uscito dal nuoto in seconda posizione, poi dal gruppo qualcuno ha provato a fare qualche scatto che però non ha portato a nulla, in zona cambio siamo rientrati tutti insieme – racconta il vincitore Thomas Previtali  – sono uscito dalla T2 al terzo posto, ma già alla fine del primo rettilineo mi sono messo in testa e sono riuscito ad avvantaggiarmi quel tanto che è poi bastato per vincere. Non mi aspettavo questa vittoria, anche perché qui non ero mai riuscito a far bene”. Un po’ amareggiato Spinazzè, che lo scorso anno aveva vinto. “Purtroppo ho avuto un problema con la muta e quindi ho dovuto spingere forte in bici per rientrare sui battistrada – spiega il 23enne coneglianese – poi a tirare ero sempre io, così ho preferito restare in gruppo e risparmiare un po’ di energie, anche perché sulle gambe ho ancora le fatiche dell’Iron Tour dell’Isola d’Elba. Nel primo giro di corsa non mi sentivo troppo bene, poi però sono riuscito a tenere il ritmo dei primi e negli ultimi 500 metri ho accelerato per conquistare il secondo posto”.
Soddisfatta l’amministrazione comunale di Caorle per il lungo weekend di gare. “È sempre un piacere ospitare il triathlon a Caorle, ormai siamo una realtà consolidata nel panorama della multidisciplina – dice l’assessore allo sport e al turismo del Comune di Caorle, Mattia Munerotto – per noi è una manifestazione che ci permette di far conoscere la nostra località in tutta Europa e anche fuori dai confini del nostro Continente. È bello anche promuovere uno sport giovane come il triathlon. Un grazie a Silca Ultralite Vittorio Veneto con la quale collaboriamo proficuamente da anni, le federazioni europea e italiana e tutti gli enti, le associazioni e i volontari che hanno prestato il loro servizio per permettere lo svolgimento della manifestazione”.
In chiusura, le parole di Aldo Zanetti, il presidente della società organizzatrice, Silca Ultralite Vittorio Veneto: “Per noi era la prima volta di una tre giorni di gare internazionali. Possiamo dirci soddisfatti del risultato, ci sono state competizioni di Europe Triathlon Cup molto partecipate e con contenuti tecnici molto elevati, condite poi dal tempo splendido. L’Italia ha poi festeggiato ben tre vittorie, tra Junior maschile, élite femminile e staffetta mista Junior. Senza poi dimenticare il sempre partecipato Triathlon Sprint Rank Gold Città di Caorle. Tutta l’organizzazione ha lavorato al meglio e a tutti i soggetti, enti, partner e volontari, coinvolti a vario titolo va il mio più sentito grazie”.
 

CLASSIFICHE STAFFETTA JUNIOR - EUROPE TRIATHLON CUP
Distanza sprint (300 metri a nuoto, ciclismo di 6,3 km e 1,5 km corsa a piedi) – uomo, donna, uomo, donna

1. Italia 1 (De Nigro, Greco, Angelini, Locatelli) 1h21’15’’, 2. Svizzera 1 (Nalier, Possberg, Schnider, Gross) 1h21’23’’, 3. Austria 1  (Dolinnschek, Prunster, Windischbauer, Huys) 1h21’28’’, 4. Svizzera 2 1h22’06’’, 5. Belgio 1h’22’29’’, 6. Ungheria 1 1h23’00’’, 7. Italia 2 1h23’02’’, 8. Portogallo 1h23’12’’, 9. Slovenia 2 1h23’48’’, 10. Austria 2 1h24’20’’.

 

CLASSIFICHE TRIATHLON SPRINT RANK GOLD CITTA’ DI CAORLE
Distanza sprint (750 metri nuoto, 20 km ciclismo, 5 km corsa)

MASCHILE. 1.  Thomas Francesco Previtali (Triathlon Pavese) 56’09’’, 2. Federico Spinazzè (Silca Ultralite Vittorio Veneto) 56’15’’, 3. Simon Falbriard (Cuneo 1198) 56’20’’, 4. Davide Menichelli (Doria Nuoto Loano) 56’35’’, 5. Daniele Gambitta (Magma Team) 56’46’’, 6. Alberto Demarchi (Cuneo 1198) 56’53’’, 7. Alessandro Galeazzo (Gp Triathlon) 57’35’’, 8. Lorenzo Piatti (Cuneo 1198) 57’47’’, 9. Simeone Romano (Cuneo 1198) 58’06’’, 10. Antonio Limoli (Dolomitica Nuoto Cit) 58’07’’.
FEMMINILE. 1. Lilli Gelmini (Asd Revelo) 1h06’19’’, 2. Elisa Marcon (Cus Pro Patria Milano Triathlon) 1h07’14’’, 3. Alice Alessandri (TD Rimini) 1h07’57’’, 4. Claudia Carmela Paladini (Thermae Sport) 1h08’11’’, 5. Denise Cavallini (Lucca Triathlon) 1h08’21’’, 6. Irene De Luca (Magma Team) 1h08’40’’, 7. Lea Strobl (Schwimmclub Bxixen)  1h08’57’’, 8. Erica Mazzer (Valdigne Triathlon) 1h09’13’’, 9. Federica Ferranti (Asd Pavanello – Eroi del Piave) 1h09’23’’, 10. Giulia Bedorin (Thermae Sport) 1h09’39’’.

 

Altri Eventi nella categoria Altri sport

Nuoto, Rizzardi e Porcari agli Europei Junior
Nuoto, Rizzardi e Porcari agli Europei Junior

Altri sport

Importante convocazione per i due atleti della società di Preganziol

Nuoto, Rizzardi e Porcari agli Europei Junior

PREGANZIOL - Anna Porcari e Federico Rizzardi, portacolori dello Stile Libero Preganziol Team Veneto sono in partenza per gli Europei Junior di nuoto che si svolgeranno a Otopei (Romania) dal 5 al 10 luglio.

Arriva il Treviso Urban Trail, in città come in montagna
Arriva il Treviso Urban Trail, in città come in montagna

Altri sport

Asd Corritreviso lancia una gara di trail running in ambiente urbano. Il presidente Enrico Caldato: "Scalinate, sottoportici, ponti: sfrutteremo i dislivelli del centro storico per trasformare la città in una palestra a cielo aperto"

Arriva il Treviso Urban Trail, in città come in montagna

TREVISO – Di corsa in montagna, ma senza muoversi dalla città. Asd Corritreviso lancia una nuova sfida: è possibile ricreare nel centro storico di una città di pianura le difficoltà, ma anche il divertimento, di una corsa fuoristrada in ambiente collinare o montano?

...

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×