15 giugno 2021

Montebelluna

Ippocastani in stazione, bioparco li difende da cameraria

Previsto sabato l’intervento da parte di Natalino Comin, presidente dell’Onlus Fare Natura che da anni gestisce il bioparco di Guarda

|

|

ippocastani stazione montebelluna

MONTEBELLUNA - Difendere gli ippocastani dalla cameraria: è questo lo scopo dell’intervento previsto per sabato prossimo nei pressi della stazione ferroviaria di Montebelluna. Un intervento che Natalino Comin eseguirà a titolo gratuito a nome del bioparco che gestisce da una decina di anni in via Gazie nella frazione di Guarda, in collaborazione con il signor Pasquale Bellusci. Una realtà, quella del bioparco, che il Comune ha dato in comodato d’uso dall’Onlus Fare Natura che opera per promuovere il benessere ambientale favorendo il recupero di animali, la coltivazione di un orto botanico, la didattica rivolta ai bambini ed il recupero sociale.

 

L’intervento sarà eseguito sabato a partire dalle 8.00 dal signor Natalino Comin in qualità di giardiniere che spiega: “Sarà effettuato sui 28 ippocastani del viale della Stazione un intervento di endoterapia che consiste nell’iniettare sul tronco una sostanza che previene lo sviluppo e l’infestazione da parte della cameraria, una malattia che colpisce spesso gli ippocastani provocandone il rinsecchimento delle foglie. L’intervento è previsto in questo periodo quando gli alberi iniziano a germogliare e prima che il parassita inizi a svilupparsi”.

 

L’attenzione all’area della stazione non è nuova per il bioparco che già alcuni anni fa, in occasione della realizzazione della rotatoria di piazza IV Novembre, aveva adottato due ippocastani che ora crescono proprio nel bioparco. Trattandosi di un intervento endoterapico attraverso iniezioni non vi sono controindicazioni per la frequentazione dell’area da parte delle persone.

 

“Ringrazio a nome della comunità di Montebelluna, Natalino, come giardiniere, si era dotato della strumentazione per l’endoterapia - interviene il sindaco Marzio Favero -. Una disponibilità che avevo accolto con favore e che oggi si traduce in un intervento importante per salvaguardare la salute degli ippocastani nel viale che adduce alla Stazione. E’ una dimostrazione della sensibilità per il bene comune. Il ringraziamento va anche all’attività che Natalino svolge come presidente dell’associazione Fare Natura che cura il bioparco Noè che, peraltro, quando andremo a sistemare la fonda ferroviaria quale pista ciclopedonale, diventerà una componente aggiuntiva dell’offerta turistica montebellunese. Ci tengo a sottolineare che, se altri soggetti privati desiderano dare una mano alla città, sappiano che sono i benvenuti”.

 



Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×