28 settembre 2020

Montebelluna

Intesa con il Teatro stabile del Veneto per la gestione del nuovo teatro di Montebelluna

La costituenda fondazione che dovrà occuparsi del gestione artistica del nuovo teatro si avvallerà della collaborazione del prestigioso ente

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Intesa con il Teatro stabile del Veneto per la gestione del nuovo teatro di Montebelluna

MONTEBELLUNA – Il nuovo teatro di Montebelluna decolla. In questi giorni la consegna da parte dei progettisti dello studio di fattibilità tecnico-economico ma anche l’incontro tra il sindaco Marzio Favero e Giampietro Beltotto, presidente del Teatro Stabile del Veneto, uno dei centri di produzione teatrale più importante in Italia, tra i cui soci fondatori vi è la Regione Veneto. Un colloquio fruttuoso che ha portato ad un’alleanza preziosa per il futuro del teatro montebellunese: il sindaco ha proposto al presidente Beltotto che il Teatro Stabile entri come partner della costituenda Fondazione che avrà il compito di gestire il teatro stesso.

Un’ipotesi che ha incontrato il favore di Beltotto, il quale ha dichiarato la sua disponibilità a sedersi al tavolo che andrà ad elaborare lo statuto. “Abbiamo incominciato da qualche settimana un percorso per operare assieme attorno a un progetto che veda il Comune di Montebelluna e il Teatro Stabile del Veneto protagonisti di una nuova stagione culturale che avrà come centro il nuovo Teatro della città la cui costruzione è stata resa possibile dall’intervento di Banca Intesa Sanpaolo – dichiara Giampiero Beltotto, presidente del Teatro Stabile del Veneto –. Sono felice e soddisfatto di sapere che, ancora una volta, lo Stabile si può mettere al servizio del nostro territorio. Ringrazio per la fiducia che ci viene accordata dall’amministrazione e, in particolare, saluto il sindaco di Montebelluna che ho imparato ad apprezzare quale sensibile uomo di cultura e, dopo questa importante sindacatura, come amministratore attento. Troveremo certamente il modo per valorizzare un teatro che, anche grazie al sostegno di Banca Intesa Sanpaolo, diventerà un centro culturale di primaria importanza”.

Conclude il sindaco: “Il nuovo teatro deve essere un luogo aperto tanto alle realtà culturali e sociali locali, quanto ai circuiti di produzione e distribuzione artistica di rango superiore o nazionale. Con il presidente Beltotto abbiamo convenuto sul fatto che un teatro da 450 posti con una torre scenica degna di questo nome ed un nuovo grande bacino di potenziali utenti possa godere delle proposte del Teatro Stabile del Veneto, una delle più prestigiose realtà in questo ambito a livello nazionale. Ricordo che il teatro Stabile in questo momento gestisce il Teatro Goldoni, il Verdi a Padova e il teatro Mario Dal Monaco a Treviso. Non da ultimo, ricordo che con questa operazione, di fatto, raggiungiamo tutti gli obiettivi che ci eravamo proposti quando presentammo il dossier per la candidatura di Montebelluna a Capitale della Cultura. Dossier che ci consenti di arrivare con grande sorpresa a livello nazionale tra le dieci finaliste. È un altro passo in avanti per quella che qualche anno fa avevo chiamato la Grande Montebelluna, ovvero una città di riferimento mandamentale. Chiudo segnalando che in un recente incontro dell’Intesa programmatica d’area ho proposto ai colleghi sindaci di aderire anche loro alla costituenda fondazione affinché davvero il nuovo teatro possa essere a servizio anche delle loro associazioni culturali”.

 

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×