19 settembre 2021

Calcio

Calcio

Inter-Shakhtar 5-0, nerazzurri in finale di Europa League

|

|

Lukaku e Lautaro

DUSSELDORF - L'Inter si qualifica per la finale di Europa League. Alla Merkur-Spiel Arena di Dusseldorf i nerazzurri superano con un netto 5-0 lo Shakhtar Donetsk grazie alle doppiette di Lautaro Martinez al 19' e al 74' e Romelu Lukaku al 78' e all'84' e al gol di Danilo D'Ambrosio al 64'.

Venerdì prossimo i ragazzi di Antonio Conte sfideranno a Colonia il Siviglia. A dieci anni dalla finale di Champions League vinta sul Bayern Monaco l'Inter torna quindi a disputare una finale europea. I nerazzurri conquistano l'atto conclusivo dell'Europa League 2019/2020 grazie al netto successo sugli ucraini.

Dopo una fase iniziale di studio l'inter passa al 19' alla prima opportunità. Pyatov sbaglia rinvio e regala palla a Barella, l'ex Cagliari si defila sulla destra e va al cross: incornata magistrale di Lautaro che pesca l'angolino basso in schiacciata. Dopo il gol esultanza speciale con il pallone sotto la maglia per l'argentino che pochi giorni fa ha annunciato la prossima paternità.

Al 26' nerazzurri vicini al raddoppio: cross dalla sinistra di Young per D'Ambrosio che va sul pallone disturbato da Lukaku, non riuscendo a indirizzare il pallone in porta da pochi metri. Alla mezz'ora si fa vedere lo Shakhtar gran cambio gioco per Dodò sulla destra, suggerimento in mezzo per Moraes, con De Vrij provvidenziale a chiudere in corner. Poco dopo Barella pericoloso con un destro dal limite sul quale Pyatov si salva in corner. L'ultima chance del primo tempo è per gli ucraini dopo un forcing al limite dell'area dell'Inter: la palla gira più volte da destra a sinistra, poi calcia Marcos Antonio dal limite con palla alta di poco.

In avvio di ripresa grande giocata di Lautaro, che anticipa Khocholava e vede Pyatov fuori dai pali, tenta di sorprenderlo con pallonetto da oltre 30 metri ma il portiere avversario salva con un colpo di reni. Poco dopo Lukaku manda a lato un destro da posizione angolata. Al 17' errore della retroguardia nerazzurra che si perde Moraes in area: colpo di testa da due passi con Handanovic che non si fa sorprendere.

Due minuti dopo arriva il raddoppio dei ragazzi di Conte con D'Ambrosio. Su un calcio d'angolo battuto dalla destra il terzino ruba il tempo a Matviyenko e va a segno con un colpo di testa. Al 29' arriva il terzo gol ancora con lo scatenato Lautaro: Brozovic ruba palla, la sfera arriva al 'Toro' che dal limite dell'area pesca l'angolino basso dove Pyatov non può arrivare. Al 33' i nerazzurri calano il poker: altro grande lavoro di Lautaro stavolta da uomo assist: palla rubata ai 20 metri e tocco dentro per Lukaku, che di sinistro prende la mira e non sbaglia.

Al 39' ancora il centravanti belga va a segno e manda i titoli di coda sul match. Grande progressione dell'ex Manchester United che scappa a Khocholava sulla destra entra in area e supera Pyatov con il destro.

LAUTARO - "È una notte incredibile, che abbiamo sempre sognato. Abbiamo dimostrato che l’Inter è pronta per grandi cose e siamo pronti per giocare questa finale. Siamo una squadra che cresce giorno dopo giorno e che dimostra maturità". Così Lautaro Martinez dopo la vittoria.

"I gol sono stati importanti - prosegue l'argentino a Sky Sport -. Dopo il lockdown ho avuto un momento di regressione, in cui non ero ai miei livelli, ora sono contento di essere tornato. Poi sono contento a livello personale perché sta arrivando il mio primo figlio, dedico queste reti a mia moglie". Infine Martinez parla della finale di venerdì: "Il Siviglia è una squadra molto forte, cercheremo di riposare in questi giorni per preparare questa partita al meglio. È un match che abbiamo sognato tanto, speriamo che tutto vada bene e che la coppa sia dell’Inter”.

CONTE - “Siamo stati bravi a rendere normale una squadra forte. Perché loro sono una squadra forte, non ci sono dubbi. Il piano era giusto, abbiamo giocato con coraggio, sono veramente molto contento e soddisfatto, perché i ragazzi mi hanno dato una grande soddisfazione”. Lo dice l'allenatore dell'Inter Antonio Conte dopo la vittoria.

"Quello che più mi fa più felice è che tanti ragazzi stanno giocando per la prima volta questo tipo di partite, stanno facendo esperienza giocando per la prima volta una competizione come l’Europa League -prosegue Conte ai microfoni di Sky Sport-. Ora ci capita il Siviglia che è una squadra di grande esperienza e cha questa coppa l'ha vinta tante volte. Ma noi abbiamo voglia, entusiasmo e voglia di stupire. Ora dobbiamo recuperare energie e prepararci per dare una gioia ai nostri tifosi e al popolo interista che ci sta seguendo con entusiasmo e che sarà orgoglioso di questa squadra, che sta dando l’anima. Dobbiamo uscire dal campo senza recriminazioni e senza demeriti nostri”.

"Non mi va tanto di tornare su quelle situazioni. In quel momento sentivo di dire quelle cose e le ho dette. Io cerco solo di dire cose costruttive, poi è normale che a livello mediatico si cerca di enfatizzare", continua Conte in merito al suo sfogo delle scorse settimane contro la società. "So che bisogna passare per alcuni step per essere protagonisti, non sono una persona 'politica' ma guardo molto al sodo. A volte capita che dico quello che penso, ma sempre senza offendere nessuno”, aggiunge.
 

 

Altri Eventi nella categoria Calcio

Vittorio Veneto
Vittorio Veneto

Calcio

Riscontrata una positività nella rosa della società moglianese

Covid, salta il match di campionato tra Union Pro e Vittorio Falmec

MOGLIANO - L'FC Union Pro 1928, società di Mogliano e Preganziol, segnala che la prima partita di campionato di Eccellenza da disputarsi in casa del Vittorio Falmec è stata rinviata a data da destinarsi a causa della positività di un giocatore moglianese.

Edoardo Zambanini
Edoardo Zambanini

Calcio

Il ragazzo trentino non ci ha pensato due volte a far prevalere il proprio spunto veloce andando a firmare così la terza vittoria consecutiva della Zalf Euromobil Désirée Fior in Toscana

Ciclismo, Coppa Ciuffenna: Zambanini firma la prima

CASTELFRANCO - Nel 2020, al primo anno tra gli Under 23, si era aggiudicato la maglia bianca al Giro d'Italia Giovani, un risultato che gli ha consentito di dimostrare le proprie qualità e di mettersi in luce attirando su di sé anche le attenzioni del mondo professionistico.

Luca Gotti (foto udinese.it)
Luca Gotti (foto udinese.it)

Calcio

Il tecnico presenzierà alla Conferenza dei Comandanti delle unità specializzate nella civil-military cooperation (Cimic) dei Paesi membri della NATO. Il Multinational Cimic Group ha sede a Motta di Livenza

L'allenatore dell'Udinese Luca Gotti sarà ospite a una conferenza della Nato

MOTTA DI LIVENZA - Il tecnico dell'Udinese Luca Gotti sarà ospite d’eccezione della CIMIC (civil-military cooperation) Units Commanders Conference (CUCC), ovvero la Conferenza dei Comandanti delle unità specializzate nella civil-military cooperation dei Paesi membri della NATO.

...

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×