14 maggio 2021

Valdobbiadene Pieve di Soligo

INDESIT: SACCONI E ROMANI FIRMANO L'ACCORDO

Con la firma dei due ministri diventa operativo l'accordo approvato dal 90% degli operai

| |

| |

INDESIT: SACCONI E ROMANI FIRMANO L'ACCORDO

ROMA/REFRONTOLO - "I ministri Romani e Sacconi hanno apposto la loro firma all'accordo sul Piano Italia, raggiunto fra Indesit e Sindacati il 7 dicembre e confermato dal voto favorevole, con il 90,1% di sì, dei lavoratori delle fabbriche di Bergamo e Treviso".  

Lo rende noto il coordinatore nazionale Uilm del settore elettrodomestici, Gianluca Ficco, al termine dell'incontro presso il Ministero dello Sviluppo economico, che ha concluso la vertenza seguita, ricorda il sindacalista, all'annuncio di Indesit "di un piano di investimenti di 120 milioni di euro nel nostro Paese, comportante, però, la concentrazione della produzione degli stabilimenti di Bergamo e Treviso rispettivamente a Caserta e Fabriano".

"Innanzitutto la firma dei ministri - commenta Ficco - rafforza il processo di ricollocazione dei 510 lavoratori coinvolti dalla chiusura dei siti di Bergamo e Treviso, che per sua stessa natura non esaurisce i propri effetti all'atto della sigla dell'intesa, bensì dovrà essere realizzato nei prossimi due anni dallo sforzo congiunto di impresa, sindacati ed istituzioni".

Inoltre, sottolinea il sindacalista, "non nascondiamo la nostra soddisfazione per il fatto che due ministri abbiano deciso di sottoscrivere personalmente l'accordo sindacale sul Piano Italia: è un riscontro importante della positività e della straordinarietà del negoziato condotto dalle parti e favorito proprio dalla mediazione ministeriale nelle fasi più difficili della vertenza".

"Con la firma del ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, e del ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, diventa operativo l'accordo raggiunto tra governo, Indesit, organizzazioni sindacali, rappresentanti delle Regioni Lombardia e Veneto, oltre che delle Province e delle Unioni Industriali di Bergamo e Treviso".

E' quanto si legge in una nota del dicastero di Via Veneto. "L'accordo chiude positivamente la vertenza Indesit, che ha visto le strutture del ministero dello Sviluppo Economico fortemente impegnate nel corso degli ultimi mesi", si spiega sempre nel comunicato. Il dicastero guidato da Romani sottolinea che "con la firma di oggi viene confermata la centralità degli stabilimenti italiani di Indesit, che si impegna a investire 120 milioni di euro per rafforzare le sue strutture produttive".

E aggiunge: "Attraverso diverse modalità e strumenti, è stata inoltre garantita la tutela del posto di lavoro per circa 510 lavoratori del gruppo stesso". Infatti, ricorda, gli operai degli stabilimenti coinvolti (Brembate e Refrontolo) "si sono espressi preventivamente lo scorso giovedì sull'accordo firmato oggi, con una percentuale di approvazione pari a circa il 90%".

 

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×