18/07/2024poco nuvoloso

19/07/2024pioggia debole e schiarite

20/07/2024poco nuvoloso

18 luglio 2024

Nord-Est

Incidente Acciaierie Venete, gli operai sono stabili in condizioni critiche

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Incidente Acciaierie Venete, gli operai sono stabili in condizioni critiche

Sono stabili, anche se ancora molto gravi, le condizioni degli operai rimasti coinvolti ieri nell'incidente alle Acciaierie Venete di Padova, investiti da una colata di acciaio fuso. I feriti sono ancora ricoverati negli ospedali di Padova, Cesena e Verona con ustioni su gran parte del corpo. Le loro condizioni sono ancora critiche, anche sembra che le funzioni vitali siano intatte. Dimesso invece nella tarda serata di ieri il quarto operaio, con una prognosi di 15 giorni.

 

Intanto rimane sotto sequestro lo stabilimento di Riviera Francia a Padova. L'incidente, i fatti, ha coinvolto quasi l'intero stabile. Ferme tutte le attività, al di là di poche operazioni di carico e scarico.

 

Le segreterie Fim Fiom Uilm del Veneto hanno proclamato lo sciopero regionale di tutto il settore metalmeccanico in seguito all'incidente Al più presto i sindacati di categoria renderanno note data e modalità dell'astensione dal lavoro. "Il gravissimo incidente di Padova - affermano in una nota congiunta - è purtroppo l'ultimo di una interminabile sequenza di incidenti, spesso mortali, che in questi mesi hanno funestato il Veneto e il paese, un tributo di sangue inaccettabile che occorre fermare al più presto per garantire a tutti i lavoratori e in tutti i luoghi di lavoro il diritto alla salute e alla sicurezza. L'allungamento degli orari di lavoro contrattuali e di legge, il ricorso all'appalto e spesso al sub appalto, la compressione dei costi di produzione anche di quelli su salute e sicurezza sono scelte sbagliate che sono spesso alla base dei tragici fatti che periodicamente colpiscono i lavoratori metalmeccanici". 

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×