22/02/2024nubi sparse

23/02/2024rovesci di pioggia

24/02/2024pioggia debole e schiarite

22 febbraio 2024

Italia

Incendio in ospedale, 4 morti: fiamme forse partite da seminterrato

Le vittime sono quattro anziani, 200 evacuati dalla struttura. Le ipotesi sulle cause del rogo, aperta inchiesta. Tra i pazienti trasferiti nei vicini ospedali di Roma anche bambini e neonati

|

|

incendio ospedale

Sono quattro i morti accertati dell'incendio divampato ieri sera all'ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli. A riferirlo i Vigili del Fuoco su X. Oltre 200 le persone che sono state evacuate anche con l'aiuto delle autoscale: tra queste anche sette bambini, diversi neonati e alcuni ricoverati nel reparto Covid. I pazienti evacuati sono stati trasferiti in diversi ospedali della Capitale. Le fiamme sono state spente. A morire quattro anziani, sui corpi è stata disposta l'autopsia per accertare le cause del decesso. Al momento sono in corso le ultime ispezioni dei vigili del fuoco negli ascensori: l'ospedale risulta completamente inagibile. Nei prossimi giorni ad ambiente raffreddato sarà eseguito un sopralluogo dal Ninv dei vigili del fuoco per accertamenti sulla natura dell'evento di cui non sono ancora chiare le cause. Sul posto nella prima fase i carabinieri di Tivoli hanno contribuito all'evacuazione dei pazienti allettati e alla messa in sicurezza di sacche di sangue per emergenze. Complessivamente al momento del rogo erano presenti al San Giovanni Evangelista circa 200 persone, tra personale sanitario e 134 pazienti. Subito dopo le prime evacuazioni le squadre della Protezione civile comunale avevano fornito coperte per i pazienti meno gravi e provveduto a trasportare nella palestra le brandine necessarie. Dopo lo scoppio dell'incendio, i pazienti sono stati evacuati e trasferiti in alcuni in ospedali e i meno gravi nell'adiacente palestra comunale Maramotti, allestita dalla Protezione civile comunale con coperte, cuscini e brandine. Il Pronto Soccorso dell’ospedale è stato immediatamente chiuso.

 

Le ipotesi sulle cause, aperta inchiesta

L'incendio all'ospedale San Giovanni Evangelista, a quanto si apprende, sarebbe probabilmente partito dal secondo seminterrato dove si stoccavano i rifiuti tecnici ospedalieri. Le indagini sono condotte dalla polizia e coordinate dalla procura di Tivoli, che ha aperto un'inchiesta. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, i carabinieri, la polizia e la polizia scientifica per i rilievi. Il rogo potrebbe essere partito anche dal retro della struttura per poi propagarsi all’interno, con il fumo che ha invaso il nosocomio fino all’ultimo piano. Ieri sera, dopo che era scattato l’allarme, i vigili del fuoco sono intervenuti sul posto dai diversi distaccamenti provinciali con almeno 60 unità e una ventina di mezzi, tra cui tre autoscale che sono state utilizzate per portare in salvo alcune delle persone ricoverate. Una cinquantina di persone con problemi di deambulazione sono state evacuate dai vigili del fuoco, invece, tramite le scale anticendio. Non ci sono intanto più chiusure stradali nella città di Tivoli. Restano solo dei rallentamenti sulle vie limitrofe all'ospedale, in particolare via Roma, dove agenti della Polizia Locale stanno gestendo la viabilità per il passaggio dei mezzi di soccorso, dei vigili del fuoco e delle forze dell'ordine.

 


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×