05 giugno 2020

Treviso

Imposta di soggiorno rinviata, il Comune di Treviso in soccorso degli albergatori

Differito al 30 novembre il pagamento del primo trimestre 2020

| commenti |

| commenti |

comune treviso

TREVISO - Differito al 30 novembre il pagamento del primo trimestre 2020 dell’imposta di soggiorno. L’amministrazione comunale ha disposto il posticipo del termine di pagamento del dovuto al Comune (gennaio-marzo) al 30 novembre, fermo l’obbligo di dichiarazione delle presenze nelle strutture ricettive al 15 aprile.

 

Di fatto, il dovuto relativo al primo trimestre saranno i mesi di gennaio e febbraio, essendo stato sospeso da marzo fino al 30 giugno il versamento dell’imposta, che va da 1 a 2 euro a seconda della classe della struttura.

 

“Si tratta di una misura ulteriore per aiutare gli albergatori in questo momento di grave difficoltà per il comparto turistico”, le parole del sindaco Mario Conte.

“Di fatto – prosegue - non solo l’imposta è sospesa fino al 30 giugno, ma per i primi due mesi dell’anno, gennaio e febbraio, abbiamo differito il pagamento, in quanto siamo a conoscenza delle centinaia di cancellazioni sulle prenotazioni e della previsione di un crollo, purtroppo con percentuali importanti, dei fatturati con tutte le conseguenze che potrebbero derivarne per i lavoratori e i dipendenti degli stessi alberghi. Da parte nostra c’è la massima volontà di aiutare e tutelare con i mezzi a disposizione”.

 

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×