24 gennaio 2021

Oderzo Motta

Impero Stefanel, al via a luglio il processo di vendita

Convocato oggi un tavolo di lavoro al ministero dell'economia. Ci sono già due manifestazioni di interesse di un fondo straniero e di un imprenditore industriale italiano

|

|

la Stefanel di Ponte di Piave

PONTE DI PIAVE - È a una svolta la vertenza su Stefanel, storico marchio identitario per il manifatturiero veneto che ha il proprio polo a Ponte di Piave.

Oggi tavolo ministeriale convocato dal Mise al quale hanno partecipato l’Unità regionale di crisi aziendali, coordinata da Mattia Losego che rappresentava anche l’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan, il commissario straordinario Raffaele Cappiello e i rappresentanti sindacali.

Al centro della convocazione l’aggiornamento sulla procedura di amministrazione straordinaria del gruppo della moda che conta circa 250 dipendenti tra la ‘casa-madre’ di Ponte di Piave (circa 80 dipendenti) e la rete retail nel territorio nazionale.

Solo tre negozi sono stati finora riaperti in via sperimentale dopo il confinamento per

A luglio inizierà il processo di vendita dell’azienda, con la raccolta delle l'emergenza Covid-19. manifestazioni di interesse non vincolanti; seguiranno le richieste di accesso da parte dei potenziali acquirenti ai dati sensibili dell’azienda, fase che si concluderà con la raccolta delle manifestazioni di interesse vincolanti e con la cessione aziendale prevista entro settembre.

«La Regione Veneto – si spiega dall'assessorato al Lavoro - sta seguendo la vicenda e ribadisce l’impegno, nell’ambito delle proprie competenze, a vigilare perché l’operazione avvenga in una prospettiva industriale di rilancio di un’azienda storica, simbolo del manifatturiero veneto e italiano.

L’unica seria prospettiva per questa realtà tessile e il relativo marchio commerciale sta in un solido rilancio industriale, con relative garanzie occupazionali, produttivi e commerciali.

La scorsa settimana via libera alla vendita da parte del Ministero. 

 

Manifestazioni di interesse

 

Due manifestazioni di interesse per rilevare uno o entrambi gli asset che l'amministrazione straordinaria del gruppo Stefanel ha posto in vendita sarebbero già arrivate.

Lo si apprende da fonti sindacali al termine dell'incontro. Le offerte, non vincolanti, proverrebbero da un fondo straniero e da un imprenditore industriale italiano e saranno confrontate con quelle che potranno ancora essere fatte pervenire entro il 1 luglio.

Per le manifestazioni con carattere vincolante è stata invece fissata la data del 4 settembre.
 

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

07/01/2021

Stefanel, nelle prossime ore via libera alla cessione

Oggi tavolo di lavoro ministeriale tra Commissario, Regione, sindacati e azienda. L'accordo a OVS prevede il mantenimento di 23 punti vendita sui 27 presenti in Italia e l’assorbimento di 94 lavoratori. Preoccupazione dai sindacati.

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×