18/07/2024poco nuvoloso

19/07/2024pioggia debole e schiarite

20/07/2024poco nuvoloso

18 luglio 2024

Nord-Est

Hashish nascosto tra la lana grezza, tre veronesi arrestati

Dopo sequestro in porto a Genova di 160 chili di stupefacente

| Ansa |

| Ansa |

Hashish nascosto tra la lana grezza, tre veronesi arrestati

GENOVA-TREVISO - Avevano importato dal Marocco 160 chili di hashish nascondendolo dentro sacchi di lana grezza. Il carico era stato scoperto nel porto di Genova e oggi la polizia ha arrestato tre persone residenti in provincia di Verona con l'accusa di concorso in importazione di stupefacenti, aggravata dall'ingente quantità. Lo stupefacente era stato suddiviso in 700 panetti. Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia della procura di Genova sono partite un anno fa dopo il sequestro in porto del carico nascosto in un container proveniente dal Marocco e destinato a una ditta con sede nella provincia veronese. Gli investigatori della squadra mobile, grazie al contributo degli uomini dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli, sono riusciti a isolare alcuni containers sospetti tra le migliaia che ogni giorno transitano nel porto cittadino.

I funzionari del reparto Antifrode dell'Ufficio delle Dogane di Genova hanno incrociato un'enorme mole di dati relativi al traffico merci restringendo la ricerca a un numero ridotto di contenitori da passare al setaccio. Grazie allo scanner dello scalo genovese è stato individuato il carico giusto. All'interno di quattro balle, le cosiddette big ball contenenti lana grezza mista a sterco, usato per ingannare il fiuto dei cani antidroga, sono stati trovati e sequestrati i 700 panetti di hashish. Secondo l'ipotesi di accusa, Alessandro Paci, 30 anni residente in Veneto, sarebbe il mandante dell'importazione dello stupefacente. Per suo conto Imad El Maaroufi, cittadino italiano di origine marocchina avrebbe organizzato la spedizione grazie anche a una rete di collegamento attiva nel paese di origine. Entrambi avrebbero collaborato con Isidoro Dondi, imprenditore veneto settantenne che avrebbe messo a disposizione dei complici la logistica di una delle sue società figurando come importatore della lana. (ANSA)

Continua a leggere su OggiTreviso

 



Ansa

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×