04/07/2022poco nuvoloso

05/07/2022pioggia debole e schiarite

06/07/2022possibili temporali

04 luglio 2022

Montebelluna

Gli studenti del liceo Veronese guide al MeVe per un giorno

Missione: essere ambasciatori di pace

| Margherita Zaniol |

| Margherita Zaniol |

MeVe

MONTEBELLUNA - Guide al MeVe per un giorno: è la sfida che saranno chiamati a vivere 12 studenti della 5C LES del Liceo Veronese di Montebelluna. Domenica 13 marzo, infatti, gli studenti diventeranno, per un giorno, guide all'interno del MeVe al servizio dei visitatori. I ragazzi presteranno servizio dalle ore 10.00 alle 18.00 di domenica 13 marzo. A ognuno di loro verrà affidata l'illustrazione di una delle sezioni del MeVe, guidando i visitatori tra i contenuti dei pannelli e nella fruizione delle istallazioni interattive. L’appuntamento conclude uno dei progetti un progetto di PCTO - Percorso per le Competenze Trasversali e l'Orientamento curato dal MeVe in collaborazione con il liceo montebellunese e il supporto dei tutor interni prof. Massimo Basurto con la collaborazione del prof. Filippo Osellame e della tutor partner del progetto, dottoressa Irene Bolzon, Conservatore del Me.Ve.

Osserva il conservatore, Irene Bolzon: “Il progetto aveva lo scopo di avvicinare studentesse e studenti al lavoro specifico che viene svolto ogni giorno in museo di mediazione del patrimonio socioculturale, con un focus specifico sul contesto della Grande Guerra e su Villa Correr Pisani, pensata come elemento fondamentale del nostro paesaggio culturale. Il progetto voleva anche offrire agli studenti una lettura della realtà capace di relazionare il passato con i fenomeni che interessano la contemporaneità, contribuendo allo sviluppo di un pensiero critico e sensibilizzandoli ai valori dell'educazione alla cittadinanza”.

Commenta l’assessore alla cultura, Elzo Severin: “Si è trattato per i ragazzi di un percorso molto impegnativo, perché hanno ricevuto formazione non solo sui contenuti specifici delle diverse sezioni ma anche su come relazionarsi con il pubblico, dando loro la responsabilità di farsi mediatori del nostro patrimonio culturale e al contempo la possibilità di cimentarsi con un'esperienza lavorativa concreta. Al termine del progetto gli alunni possono, nel loro piccolo, definirsi mediatori del patrimonio culturale, in grado di riconoscere – e in qualche misura trasmettere – il valore del patrimonio materiale e immateriale della Prima Guerra Mondiale della Regione del Veneto, consapevoli della straordinaria portata che ha avuto il primo conflitto mondiale nel determinare tutta la storia del Novecento sino ad oggi, riconoscendo nella Pace uno strumento di crescita e sviluppo di una comunità civile, tema quanto mai attuale. Un’occasione di crescita per i ragazzi ma anche di apertura da parte del MeVe che, per visione e concezione, vuole essere spazio di riflessione, approfondimenti e contaminazione. E questo non sarà l'unico progetto di questo tipo: a maggio un'altra classe, sempre del Veronese, terrà una serie di visite guidate dedicate al tema dell'Europa”.

Conclude l’assessore all’Istruzione, Debora Varaschin: “Il MeVe continua a svolgere la sua funzione di far capire il passato per poter prevenire con la conoscenza di fatti accaduti e che hanno segnato la storia, situazioni simili nel presente e futuro. Mai come in questo momento storico la funzione del MeVe risulta attuale e importante per la formazione dei ragazzi che attraverso progetti come questo, possono far crescere in loro quel pensiero critico fondamentale per avere gli strumenti che permetteranno loro di essere adulti consapevoli del valore che una parola come Pace ha. La scuola, ancora una volta in sinergia con il MeVe, così come con il Museo Civico e Biblioteca della nostra città, continua ad essere il centro di una formazione attenta e soprattutto attuale, calata sulla contemporaneità. Questo progetto e gli altri che verranno rappresentano non solo momenti di formazione, ma sono per i ragazzi uno spaccato di vita da portare con sè nel futuro”.
 

 


| modificato il:

Margherita Zaniol

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×