14 luglio 2020

Treviso

Gli amputano un arto a causa di un tumore, gara di solidarietà nella Marca

Drilon 19 anni, promessa del basket, operato di cancro a Milano ora trascorrerà la convalescenza nel Trevigiano grazie alla generosità di tanti

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

1 L’arrivo di Drilon a Silea trasportato dagli operatori del Suem di Treviso

FOTO: L’arrivo di Drilon a Silea trasportato dagli operatori del Suem di Treviso

TREVISO – Una storia da libro Cuore quella del giovane Drilon Berisha 19enne promessa del basket in Kossovo, che lo scorso 8 maggio ha subito l’amputazione della gamba sinistra a causa di un tumore maligno, presso l’istituto traumatologico “Gaetano-Pini” di Milano. Un intervento complesso che nel suo paese non era possibile eseguire e che è costato grandi sacrifici alla famiglia di Drilon ed agli zii che risiedono da oltre vent’anni tra Treviso e Silea.

La Marca è diventata quindi dal 15 maggio la sua nuova residenza dove potrà trascorrere la convalescenza e svolgere la terapia postoperatoria. Ma dalla nostra provincia dove risiedono i parenti è partita anche una gara di solidarietà davvero degna di nota grazie all’iniziativa della soprano trevigiana Cristina Franzin che pur di aiutare il giovane ha dato vita ad un vero e proprio Comitato al quale hanno subito aderito Angela e Stefania Bonduan di “Gens Nova O.d.V.”, Amita Beqiri del “Canoa Club Sile” nonché altre personalità dell’imprenditoria e dei media.

Fondamentale anche il supporto delle istituzioni a cominciare da quello di Francesco Benazzi, Direttore Generale di Aulss 2, del sindaco di Silea, Rossella Cendron, che insieme all’assessore Francesco Biasin, si è resa disponibile per fornire il supporto per la degenza postoperatoria. Ora in concerto con la municipalità il Comitato sta cercando una nuova abitazione, al piano terra, per la sua famiglia di Drilon al quale saranno forniti anche i supporti medici necessari a tornare alla sua vita di prima magari riaccostandosi allo sport, la sua grande passione.

“Il Comitato, che continuerà a stare al fianco di Drilon e della sua famiglia, non può che porgere un caloroso ringraziamento per gli aiuti e lo slancio di solidarietà che si sono creati intorno allo sfortunato giovane Drilon, a partire dall’intera equipe medica – si legge in una nota ufficiale -, che ha effettuato l’intervento, formata dal Primario Dott. Daolio, dai suoi assistenti il Dott. Bastoni, il dott. Giardina, il dott. Zacconi, le dottoresse Bartoli, Marini, Spinelli, dagli Specializzandi medici Fabio, Sonia, Federica e Federico, dalla coordinatrice Dott.ssa Natalina Carè, dagli infermieri Concetta, Clemente, Angela, Carmela, Angela , MariaStella, Daniela e dagli operatori socio-sanitari Maria e Mina”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×