22 ottobre 2021

Treviso

Gianfranco Gagliardi tratteggia Mario Del Monaco

questa sera omaggio speciale all'artista

| Pietro Panzarino - Vicedirettore |

immagine dell'autore

| Pietro Panzarino - Vicedirettore |

Gianfranco Gagliardi tratteggia Mario Del Monaco

TREVISO - Oggi ricorre il centenaio della nascita di Mario Del Monaco, il grande tenore internazionale, a cui è dedicato il teatro cittadino, dove questa sera si terrà un evento speciale.

Per la circostanza abbiamo intervistato Gianfranco Gagliardi (in foto), amministratore delegato di teatri spa per conoscere meglio questa celebrità.

1. Quando il Comunale è stato intitolato a Del Monaco?

27 aprile 2011. Il programma della serata prevedeva, dalle 17.00 in poi, l’accoglienza degli ospiti, la presentazione dell’evento, il saluto delle autorità, la presentazione del libro commemorativo e l’esibizione del soprano Fiamma Izzo D’Amico e del basso Ferruccio Furlanetto.

2. Quale fu il contesto storico e culturale che portò alla scelta?

L’Amministrazione Comunale di allora e i numerosi estimatori del tenore, hanno avanzato la proposta di intitolazione del Teatro a Mario Del Monaco, dopo aver ricevuto il benestare di vari esponenti del mondo culturale trevigiano.

3. Il legame tra Treviso e l'artista.

Oltre alla scelta di vita che ha portato il tenore a risiedere con la famiglia nel Comune di Villorba, la città di Treviso  lo ha ospitato in varie occasione nel suo prestigioso Teatro: precisamente nel 1943 con Lucia di Lammermoor, diretto da De Tura;

nel 1944 con La Bohème, diretto da Narducci;

nel 1945 con Tosca, diretto da Wolf Ferrari;

nel 1946 con Madama Butterfly, diretto da Wolf Ferrari;

nel 1948 con Carmen, diretto da Cordone;

nel 1961 con Sansone e Dalila, diretto da Ziino.

4. La dimensione internazionale di Del Monaco.

Primo successo: 1940 con Madama Butterfly al Teatro Puccini di Milano; debutto internazionale a Londra nel 1946 e consacrazione definitiva il 6 marzo 1949 alla Scala con l’Andrea Chénier, accanto a Renata Tebaldi.

Nel 1950 debutta al Teatro Colòn di Buenos Aires nell’Otello verdiano, ruolo a cui legò per sempre il suo nome.

Da quel momento gli si aprirono le porte dei più prestigiosi teatri del mondo.

Del Monaco è stato ambasciatore della cultura italiana nel mondo, capace di traghettare l’opera lirica dai chiusi velluti del teatro ai mass media moderni, quali la televisione, il cinema.

Ha tenuto un celebre concerto a Mosca, in piena guerra fredda, e alla corte dell’imperatore del Giappone: in entrambi i casi la sua presenza è stata ancora una volta quella di un ambasciatore ma non solo della cultura italiana bensì occidentale.

E’ stato osannato al Metropolitan di New York.

5. il valore aggiunto che ha portato al teatro la intitolazione a Del Monaco.

Aver legato il prestigio del Teatro Comunale di Treviso, da sempre apprezzato per la sua programmazione, ad un nome il cui fascino e carisma internazionali sono riconosciuti da tutti, può ragionevolmente aver contribuito ad accrescere la rinomanza e la conoscenza del nostro Teatro di tradizione oltre i confini del territorio di riferimento.

6. Qual è stata la partenza di questa stagione?

La stagione è stata aperta dal celebre Don Giovanni mozartiano che ha riscosso notevole successo di critica e di pubblico. Interpretata da un ottimo cast cui facevano parte i cinque giovani cantanti vincitori del Concorso Internazionale Toti Dal Monte, l’opera ha dato la possibilità a queste promettenti voci di debuttare sul palcoscenico, dimostrando ancora una volta come la formula del Concorso rappresenti una valida garanzia di qualità oltre che un’importante opportunità offerta ai giovani artisti:

Don Giovanni, Luca Dall’Amico

Donna Anna, Valentina Varriale*

Don Ottavio, Davide Giusti

Il Commendatore, Federico Benetti

Donna Elvira, Gioia Crepaldi*

Leporello, Lorenzo Grante*

Masetto, Roberto Maietta*

Zerlina, Letizia Quinn*

* Vincitori del XLV Concorso Internazionale per Cantanti Toti Dal Monte

Direttore FRANCESCO OMMASSINI, Regia LORENZO REGAZZO, Scene e costumi EUGENIO MONTI,  con la ORCHESTRA REGIONALE FILARMONIA VENETA, CORO IRIS ENSEMBLE, Maestro del coro MARINA MALAVASI.

 



foto dell'autore

Pietro Panzarino - Vicedirettore

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×