01/07/2022nubi sparse e temporali

02/07/2022sereno

03/07/2022poco nuvoloso

01 luglio 2022

Cronaca

Gara di solidarietà per portare in Italia i cani che vivono nei rifugi in Ucraina

Oltre 3000 persona hanno dato la loro disponibilità ad ospitare le bestiole

| Tiziana Benincà |

immagine dell'autore

| Tiziana Benincà |

cani in fuga dalla guerra in ucraina

ITALIA - Una guerra che travolge tutti, animali inclusi, tanto da spingere una piccola pensione di Bologna a mobilitarsi per portare in Italia alcuni cani. “Siamo partiti con un semplice appello su Facebook per chiedere chi fosse stato disposto ad ospitare un cane o un gatto proveniente da un rifugio ucraino, ma non ci aspettavamo un tale riscontro. Pensavamo di andare con un furgoncino a prendere una ventina di animali, invece abbiamo ricevuto chiamate e messaggi per oltre 3000 posti da parte di privati e associazioni, veterinari per vaccinare gratis, rifugi per creare staffette” commenta Davide che con la fidanzata Valentina gestisce la pensione.

L’iniziativa è nata pensando che fosse semplice far uscire gli animali in caso di guerra, in realtà i cani possono lasciare l’Ucraina solo se vaccinati e dotati di microchip. Alcune associazioni nazionali ne hanno già fatto arrivare alcuni in Italia, mentre Davide attende i suoi primi cinque per sabato, che arriveranno con associazioni di aiuti umanitari. “Per gli altri cento ci stiamo già muovendo tramite delle associazioni polacche che sono riuscite a farli arrivare in Polonia. Lì provvedono a vaccinarli e dotarli di microchip. Forse ci siamo”.

 



foto dell'autore

Tiziana Benincà

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×