25/09/2022nubi sparse e rovesci

26/09/2022nubi sparse

27/09/2022nubi sparse e temporali

25 settembre 2022

Nord-Est

Furti in abitazione, cinque arresti

Per i colpi i presunti responsabili utilizzavano targhe di auto che poi cambiavano a "lavoro" avvenuto

|

|

Furti in abitazione, cinque arresti

PISA - La squadra mobile di Pisa e la polizia stradale di Pistoia hanno arrestato ieri è trasferito in carcere cinque persone italo serbe ritenute responsabili di numerosi furti in abitazione compiuti negli ultimi mesi in Veneto, Toscana ed Emilia Romagna.

I cinque presunti malviventi, residenti nel sud Italia, sono stati sottoposti a fermo a Pisa, dove avevano scelto un appartamento in periferia come base logistica. In particolare gli inquirenti, diretto dalla procura di Pistoia, ritengono che la banda abbia commesso furi in abitazione, ricettato materiate rubato e applicato targhe rubate alla vettura utilizzata per i colpi negli appartamenti compiuti nelle province di Pistoia, Pisa, Firenze ma anche di Bologna, Modena, Reggio Emilia e Verona.

"Proprio in queste zone, a seguito del passaggio della vettura tenuta d'occhio per settimane dagli investigatori - spiega una nota della polizia - ogni qualvolta la stessa si fermava per intervalli di tempo anche di pochi minuti, veniva registrato il compimento di furti in abitazione, denunciato dalle parti offese nei vari uffici di polizia.

L'auto utilizzava sempre targhe rubate per poi toglierle a furto avvenuto e circolare fino a Pisa con l'originaria targa serba". Ieri gli agenti sono entrati in azione appena i cinque, scesi dall'auto, hanno raggiunto il covo e nella vettura è stata trovata della refurtiva (preziosi, orologi, contanti), nonché arnesi da scasso e un lampeggiante blu, ordinariamente in uso alle forze dell'ordine. Nell'appartamento usato come base logistica i poliziotti hanno recuperato un ingente quantitativo di beni rubati tra cui gioielli, capi di abbigliamento, orologi di valore. 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×