11 maggio 2021

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Fuori Indesit, dentro Sech

L'azienda pievigina compra capannone. E riassume 5 operai

|

|

REFRONTOLO - Il vecchio capannone Indesit a Refrontolo tornerà a vivere. E produrre. Soprattutto, cinque ex operai torneranno a lavorare. Per una volta, a scuotere l’industria in ginocchio del Quartier del Piave ci pensa una buona notizia. Ha colto tutti di sorpresa l’accordo tra Indesit e Sech Costruzioni Spa di Pieve di Soligo per l’acquisizione di 5 mila metri quadrati dello stabilimento di via Crevada, dismesso due anni fa dopo la decisione di Indesit di cessare la produzione. Restarono a casa in 94, oggi i disoccupati sono rimasti 13, coperti da cassa integrazione in deroga per quattro mesi. È importante, però, lo spiraglio che si è aperto grazie alla Sech, che non esclude, dopo settembre, di acquisire un’ulteriore porzione di capannone, e dare lavoro ad altri operai.

 

«La soddisfazione per i risultati raggiunti è davvero grande» afferma Mariagrazia Morgan, sindaco di Refrontolo. Aveva auspicato che Indesit trovasse un acquirente per il capannone, altrimenti avrebbe chiesto ai suoi dirigenti che le restituissero il prato. «A tutte le parti coinvolte va il mio sentito ringraziamento. In particolare all’azienda Sech per il coraggio, lo spirito imprenditoriale e per la volontà di rimanere nella nostra realtà in uno dei momenti più difficili, e all’Indesit per l’impegno e la serietà dimostrate nel trovare soluzioni concrete sia sul piano del ricollocamento che su quello della reindustrializzazione».

 

L’accordo tra Indesit e Sech è stato formalizzato durante un incontro in Regione, ieri mattina, al quale hanno partecipato aziende, Fiom Cgil, Fim Cisl, Comune, assessorato al Lavoro, operai. Questi ultimi, dopo due anni di cassa integrazione straordinaria, hanno da poco avuto il via libera dal Ministero per quattro mesi (rinnovabili, forse) di cassa in deroga. Ma per cinque di loro, la speranza della riassunzione: Sech Costruzioni comunicherà a maggio i nominativi di cui avrà bisogno, mentre ad agosto si trasferirà nel nuovo stabilimento. A settembre, inizierà a lavorare.

 

«Sech procederà ad una reindustrializzazione graduale del sito industriale di Refrontolo, con l’obiettivo di renderlo un polo di riferimento industriale della Provincia» spiega la stessa Indesit. Sfida difficile che si potrà vincere solo se tutti remeranno dalla stessa parte, secondo il sindaco Morgan: «Come amministrazione, diamo la massima disponibilità, nel rispetto delle norme, a trovare soluzioni dal punto di vista edilizio-urbanistico per le esigenze di ottimizzazione del sito produttivo. Un lavoro di squadra che ha portato a risultati concreti e inimmaginabili in uno dei momenti storici più difficili per la nostra realtà locale e nazionale».

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×