03/12/2021velature lievi

04/12/2021pioviggine

05/12/2021pioggia debole e schiarite

03 dicembre 2021

Esteri

Fuoco, aria, acqua e terra: la nostra crisi climatica mondiale

L'urgenza di affrontare il riscaldamento globale mentre disastri mortali causati dal clima devastano gli habitat naturali della Terra

| Richard Brewer |

immagine dell'autore

| Richard Brewer |

fuoco, aria, acqua, terra

Immagine: fuoco, aria, acqua, terra da EskiPaper Wallpapers 2021

OREGON - 29 luglio 2021 - Una continuazione del mio precedente pezzo, "Il nostro pianeta, il nostro futuro" pubblicato qui il 15/07/2021. Come ho riferito allora, la crisi climatica rimodellerà radicalmente la vita sulla Terra nei prossimi decenni. Il 26 luglio più di 200 tra i principali scienziati del clima del mondo hanno iniziato un incontro di due settimane per finalizzare un rapporto fondamentale che riassume come il clima della Terra è già cambiato e cosa possono aspettarsi gli esseri umani per il resto del secolo. Colpirà i nostri figli e nipoti più direttamente di noi. Erediterà il disastro ambientale che stiamo lasciando anche se agiamo ora, e dobbiamo agire ora.

Gli antichi credevano che il mondo fosse composto da quattro elementi: fuoco, aria, acqua e terra. Ora troviamo quei quattro aspetti che rivelano la nostra crisi climatica mondiale: disastri mortali causati dal clima si stanno svolgendo in tutto il mondo, da inondazioni improvvise in Europa, Nord America e Asia, a intensi incendi in Siberia, a ondate di calore persistenti diffuse e siccità che minacciano di sovvertire le scorte di cibo negli Stati Uniti, in Medio Oriente e in gran parte dell'Africa.

FUOCO:  Il fuoco si sta diffondendo come una pandemia virale. Le stagioni degli incendi in tutto il pianeta sono più lunghe e le aree potenzialmente bruciabili sono raddoppiate. L'avvento della siccità causata dal clima, insieme al caldo estremo, ha prodotto incendi record in tutto il mondo.

L'Italia sta vivendo una stagione degli incendi superiore alla media quest'anno, registrando quasi 13.000 incendi in più rispetto allo scorso anno. Gli incendi violenti bruciano in Siberia consumando più di 6,5 milioni di acri dall'inizio dell'anno. Gli incendi sono così grandi e il vento così forte che il fumo arriva fino all'Alaska.

Negli Stati Uniti occidentali, poche settimane dopo una storica ondata di caldo, 80 grandi incendi hanno consumato oltre 1 milione di acri (4.047 chilometri quadrati) inviando un fumo denso a circa 3.000 miglia da un'estremità all'altra del continente. Questa settimana la provincia canadese della Columbia Britannica ha dichiarato lo stato di emergenza poiché quasi 300 incendi sono bruciati e sono stati fatti i preparativi per le evacuazioni di massa a causa del peggioramento delle condizioni.

ARIA:  i gas serra stabiliscono nuovi record da inizio anno. Nell'aprile 2021, la concentrazione di anidride carbonica, motore del riscaldamento globale, ha raggiunto la media globale mensile più alta mai registrata: 416 parti per milione. L'ultima volta che i livelli di CO2 hanno superato le 400 parti per milione è stato circa quattro milioni di anni fa.

La deforestazione nell'Amazzonia brasiliana ha trasformato questo cruciale pozzo di carbonio in un emettitore netto di CO2. Gli incendi e le ondate di calore nell'Artico siberiano russo stanno rilasciando quantità record di anidride carbonica immagazzinata nel permafrost e nelle foreste. Tutti e sei gli anni più caldi mai registrati si sono verificati dal 2015 generando uragani, tornado e un diffuso inquinamento atmosferico mentre il fumo degli incendi si è diffuso dalla Siberia all'Alaska e attraverso il Canada e gli Stati Uniti occidentali fino alla costa orientale.

ACQUA:  Gli acquazzoni mortali causati dal clima in tutto il mondo hanno portato inondazioni record che non si vedevano da 1000 anni. Inondazioni catastrofiche hanno travolto città in Germania, Belgio e Paesi Bassi. Giorni di pioggia hanno inondato i tunnel della metropolitana in Cina e hanno causato danni estesi che hanno portato a 200.000 evacuazioni. Quando le inondazioni hanno spazzato l'Africa nordoccidentale e hanno provocato frane mortali in India e Giappone, intere comunità sono state distrutte, alcune delle quali non avevano mai assistito a condizioni meteorologiche estreme come questa.

TERRA:  sovrasfruttamento umano del pianeta. Inondazioni, siccità, incendi, estinzioni di animali, si verificano tutti con maggiore intensità e frequenza mentre il cambiamento climatico provoca il caos in tutta la Terra. Continuiamo a deforestare l'Amazzonia ed espandere l'agricoltura in tutto il mondo causando un minore assorbimento di carbonio e contribuendo a un aumento del riscaldamento e alla diminuzione della fauna selvatica. Eventi estremi combinati con tendenze climatiche a lungo termine stanno spingendo gli ecosistemi verso punti di non ritorno che, una volta raggiunti, sono probabilmente irreversibili o difficili da recuperare.

Deforestazione … Brasile, Repubblica Democratica del Congo e Indonesia sono i paesi che perdono più rapidamente la copertura forestale. Nel 2020, la deforestazione della foresta pluviale amazzonica ha raggiunto il massimo di 12 anni. L'industria e l'agricoltura sono fattori chiave della perdita di foreste, specialmente in Brasile. Il degrado forestale dovuto a incendi, siccità, disboscamento e frammentazione ha fatto sì che questa regione agisse come una fonte di carbonio piuttosto che un cruciale pozzo di carbonio.

Le anomalie delle alte temperature sono diventate maggiori e più frequenti negli ultimi anni su terra, aria e mare. Il 2020 è stato il secondo anno più caldo mai registrato e tutti e cinque gli anni più caldi registrati si sono verificati dal 2015. Nell'emisfero settentrionale, il permafrost - il terreno che (dovrebbe) rimanere ghiacciato tutto l'anno - si sta riscaldando, accelerando rapidamente lo scongelamento nella regione. Il permafrost contiene un'enorme quantità di gas serra, tra cui CO2 e metano, che vengono rilasciati nell'atmosfera durante il disgelo. I suoli nella regione del permafrost, che si estende per circa 23 milioni di chilometri quadrati (8,9 milioni di miglia quadrate) tra Siberia, Groenlandia, Canada e Artico, contengono il doppio del carbonio dell'atmosfera, quasi 1.600 miliardi di tonnellate. Gran parte di quel carbonio è immagazzinato sotto forma di metano, un potente gas serra con un impatto sul riscaldamento globale 84 volte superiore alla CO2.

Poiché la crisi climatica spinge le temperature globali più in alto, tutte le società, dalla Siberia settentrionale all'Europa, dall'Asia all'Australia, dal Nord America al Sud America, devono prepararsi a eventi meteorologici più estremi.

“Per la prima volta nella nostra esistenza, le nostre azioni stanno destabilizzando parti critiche del sistema Terra che determinano lo stato del pianeta”. Questa è stata una delle conclusioni tratte dalla prima dichiarazione del Summit dei Premi Nobel rilasciata il 3 giugno 2021 e cofirmata da 126 premi Nobel.

Il rilascio di tale dichiarazione è stato seguito dalla pubblicazione di "Avviso degli scienziati mondiali di un'emergenza climatica 2021" il 28 luglio 2021 sulla rivista BioScience con i risultati di nuovi studi condotti da due ricercatori dell'Oregon State University e sostenuti da una coalizione di quasi 14.000 scienziati di 153 paesi.

Inoltre, l'organismo delle Nazioni Unite per la valutazione delle scienze relative al cambiamento climatico — Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) è impostato per rilasciare la prima parte del loro sesto rapporto di valutazione il 9 agosto 2021, la dichiarazione più completa, scientificamente solida e definitiva sulle condizioni climatiche e le prospettive disponibili.

L'IPCC ha istituito un gruppo di lavoro (WG1) dei migliori scienziati con il compito di esaminare la scienza fisica alla base del cambiamento climatico passato, presente e futuro e di valutare l'attuale migliore comprensione scientifica di come funziona il nostro sistema climatico e di come sta cambiando in risposta all'attività umana .

Il loro rapporto includerà un riepilogo per i responsabili politici su "Cambiamento climatico 2021: la base della scienza fisica" che fungerà da guida per i governi nell'elaborazione di politiche in materia di ambiente, emissioni di gas serra, infrastrutture e servizi pubblici.

Mentre le foreste bruciano e le città annegano, mentre i raccolti appassiscono e le persone muoiono, la domanda incombe più forte che mai quest'estate: cosa ci vorrà perché i leader agiscano finalmente? Non voglio dovermi abituare a questo.

************** IN ENGLISH **************

Fire, Air, Water and Earth: our world wide climate crisis
The urgency of tackling global warming as deadly climate driven disasters devastate Earth’s natural habitats

OREGON - 29 July 2021 - A continuation of my earlier piece, “Our Planet, Our Future” published here 15/07/2021. As I reported then, the climate crisis will fundamentally reshape life on Earth in the coming decades. On 26 July more than 200 of the world’s leading climate scientists began a two week meeting to finalize a landmark report summarizing how Earth’s climate has already changed and what humans can expect for the rest of the century. It will affect our children and grandchildren more directly than us. They will inherit the environmental disaster we are leaving even if we act now, and we must act now.

The ancients believed the world to be composed of four elements — Fire, Air, Water, and Earth. Now we find those four aspects revealing our world wide climate crisis: deadly climate-driven disasters are unfolding around the world, from flash floods in Europe, North America and Asia, to intense wildfires in Siberia, to widespread persistent heat waves and droughts that threaten to upend food supplies in the U.S., Middle East and much of Africa.

FIRE: Fire is spreading like a viral pandemic. Wildfire seasons across the planet are longer and potentially burnable areas have doubled in size. The advent of climate driven drought coupled with extreme heat has produced record fires world wide.

Italy is experiencing an above-average fire season this year, registering almost 13,000 more wildfires than last year. Intense wildfires burn in Siberia consuming more than 6.5 million acres since the beginning of the year. The fires are so big and winds so strong the smoke is traveling as far away as Alaska.

In the western United States, just weeks after a historic heatwave, 80 large fires have consumed more than 1 million acres (4,047 square kilometers) sending dense smoke some 3,000 miles from one end of the continent to the other. This week the Canadian province of British Columbia declared a state of emergency as nearly 300 fires burned and preparations made for mass evacuations amid worsening conditions.

AIR: Greenhouse gases set new year-to-date records. In April 2021, carbon dioxide concentration, a driver of global warming, reached the highest monthly global average ever recorded: 416 parts per million. The last time CO2 levels exceeded 400 parts per million was around four million years ago.

Deforestation in the Brazilian Amazon has turned this crucial carbon sink into a net emitter of CO2. Wildfires and heat waves in the Russian Siberian Arctic are releasing record amounts of carbon dioxide stored in permafrost and forests. All six of the hottest years on record have occurred since 2015 generating hurricanes, tornadoes, and widespread air pollution as smoke from fires spread from Siberia to Alaska and across Canada and the western U.S. all the way to the East Coast. 

WATER: Climate driven deadly downpours around the world brought record breaking floods not seen in 1000 years. Catastrophic floods overwhelmed towns in Germany, Belgium and the Netherlands. Days of rain inundated subway tunnels in China and caused widespread damage that led to 200,000 evacuations. As floods swept through northwestern Africa and triggered deadly landslides in India and Japan, entire communities were destroyed — some of which had never witnessed extreme weather like this.

EARTH: Human overexploitation of the planet. Floods, droughts, wildfires, animal extinction, all occur with greater intensity and frequency as climate change wreaks havoc all over the Earth. We continue to deforest the Amazon and expand agriculture world wide causing less carbon absorption and contributing to increased warming and decreased wildlife. Extreme events combined with longer-term climate trends are pushing ecosystems towards tipping points that, once reached, are possibly irreversible or difficult to recover from. D

Deforestation … Brazil, the Democratic Republic of the Congo and Indonesia are the countries losing forest cover most rapidly. In 2020, deforestation of the Amazon rainforest surged to a 12 year high. Industry and agriculture are key drivers of forest loss—especially in Brazil. Forest degradation due to fires, drought, logging, and fragmentation has caused this region to act as a carbon source rather than a crucial carbon sink.

High temperature anomalies have become greater and more frequent in recent years on land, air and sea. The year 2020 was the second hottest year on record, and all five of the hottest years on record have occurred since 2015. Across the northern hemisphere, permafrost – the ground that (should) remain frozen year-round – is warming, rapidly accelerating thawing in the region. Permafrost contains a huge amount of greenhouse gases, including CO2 and methane, which are released into the atmosphere as it thaws. Soils in the permafrost region, which spans around 23 million square kilometres (8.9 million square miles) across Siberia, Greenland, Canada and the Arctic, hold twice as much carbon as the atmosphere does – almost 1,600 billion tons. Much of that carbon is stored in the form of methane, a potent greenhouse gas with a global warming impact 84 times higher than CO2. As the climate crisis pushes global temperatures higher, all societies – from northern Siberia to Europe, Asia to Australia, North America to South America – must prepare for more extreme weather events.

“For the first time in our existence, our actions are destabilizing critical parts of the Earth system that determine the state of the planet.” This was one of the conclusions made by the first Nobel Prize Summit statement released 3 June 2021 and cosigned by 126 Nobel laureates.

The release of that statement was followed by publication of “World Scientists’ warning of a climate emergency 2021” on 28 July 2021 in the journal BioScience with results of new studies led by two researchers at Oregon State University and backed by a coalition of nearly 14,000 scientists from 153 countries.

In addition, the United Nations body for assessing the science related to climate change — the Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) is set to release the first part of their 6th Assessment Report on 9 August 2021 — the most comprehensive, scientifically robust and definitive statement on climate conditions and outlook available.

The IPCC established a working group (WG1) of top scientists tasked with examining the physical science underpinning past, present, and future climate change and assessing the current best scientific understanding of how our climate system works and how it is changing in response to human activity.

Their report will include a Summary for Policymakers on “Climate Change 2021: The Physical Science Basis” to serve as a guide for governments in crafting policies around the environment, greenhouse gas emissions, infrastructure and public services.

As forests burn and cities drown, as crops wither and people die, the question looms louder than ever this summer: What will it take for leaders to finally act? I don’t want to have to get used to this.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Richard Brewer

Dello stesso argomento

immagine della news

15/07/2021

Il nostro pianeta, il nostro futuro

Il cambiamento climatico rimodellerà radicalmente la vita sulla Terra nei prossimi decenni. Le condizioni estreme e mortali sono qui per restare e peggioreranno.

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×