31 marzo 2020

Nord-Est

Fugge in taxi con la cassaforte: arrestato il ladro

| commenti |

| commenti |

Fugge in taxi con la cassaforte: arrestato il ladro

I vestiti, gli occhiali da vista e la camminata claudicante. Sono questi gli elementi che hanno permesso agli investigatori della squadra Mobile della polizia, guidati da Luca Armeni, di risalire al ladro che tra ottobre e novembre dello scorso anno, avrebbe messo a segno tre furti in locali e in una farmacia, più un altro non riuscito. L'uomo 53 anni, veneziano ma a Bologna da una vita, si chiama Luigino Gasparini, con alle spalle diversi precedenti per stupefacenti e reati contro il patrimonio. Ora si trova in carcere, sulla base dell'ordinanza chiesta dalla pm di Bologna Anna Cecilia Maria Sessa e concessa dal giudice Domenico Panza. Tre dei 'colpi' risalgono alla notte del 9 novembre 2019 e per identificare il 53enne sono state fondamentali le immagini delle telecamere di videosorveglianza sparse in centro città. L'ultimo furto, in ordine di tempo, è andato in scena al ristorante 'Hamerica's' di via Santo Stefano: qui, dopo aver forzato la serranda e la porta d'ingresso, il 53enne ha rubuato dal registratore di cassa e da una cassaforte mobile 3mila euro, oltre che due tablet, quattro chiavette antifurto e alcuni buoni sconto del locale.

 

Grazie alle telecamere della strada i poliziotti hanno notato un sospetto, vestito con un giubbotto e scarpe da ginnastica, e hanno seguito il suo tragitto fin quando è salito su un taxi, caricando tranquillamente la refurtiva nel portabagagli. Gli accertamenti hanno portato a rintracciare l'appartamento del 53enne e nel giardino condominiale è spuntata fuori anche la cassaforte, mentre i pc erano in casa. La camminata claudicante dell'uomo, i suoi vestiti e anche gli occhiali da vista, hanno permesso di associarlo ad un altro 'colpo' commesso in una farmacia di via Orefici, dove grazie ad una smerigliatrice, ritrovata sempre in casa sua, era riuscito a forzare la cassaforte e rubare 4mila euro. Ancor prima, nella stessa notte, aveva provato a 'ripulire' le auto parcheggiate nel garage di Palazzo Pepoli, senza però riuscirci. Il quarto episodio risale invece allo scorso 1/o ottobre, ai danni del bistrot 'Cocoa' di via Altabella. Dalle telecamere si vede sempre lui, con gli stessi occhiali e movenze, che stavolta si allontana in bici dopo aver rubato dalla cassa 1.455 euro. Bici che, manco a dirlo, i poliziotti hanno ritrovato a casa sua. 

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×