20/01/2022coperto

21/01/2022sereno

22/01/2022sereno

20 gennaio 2022

Castelfranco

Fossato del castello: Marcon fa il punto della situazione

Concluso il restauro del ponte dei Beghi, il cattivo stato del fossato sembra ora risolto.

| Leonardo Sernagiotto |

immagine dell'autore

| Leonardo Sernagiotto |

Fossato del castello: Marcon fa il punto della situazione

CASTELFRANCO - Dopo le polemiche scaturite nei social network per il cattivo stato in cui versava il fossato di Castelfranco, ridotto a un rivolo d’acqua stagnante e maleodorante, ricoperto di vegetazione spontanea e rifiuti abbandonati, il sindaco Stefano Marcon ha voluto fare il punto della situazione per poter informare al meglio i cittadini.

«Siamo consci del disagio che hanno patito i cittadini, così come dell’immagine che ha subito la città nel periodo in cui il ponte dei Beghi è stato chiuso» ha ammesso il sindaco, che subito dopo ha precisato: «L’acqua non poteva scorrere in quanto avrebbe impedito i lavori di restauro del ponte. Si trattava di lavori importanti, che sono stati eseguiti a regola d’arte, mantenendo la storicità del ponte, grazie anche al confronto con la Soprintendenza. Credo che ne sia valsa la pena».

I lavori di rifacimento e rafforzamento del ponte dei Beghi (o di via Garibaldi) si sono resi necessari per togliere la copertura in cemento, soluzione provvisoria per evitare il cedimento del ponte, il quale è l’unico ingresso per il centro storico percorribile dai mezzi pesanti, ad esempio dei vigili del fuoco. Da qualche giorno l’acqua è tornata a scorrere copiosa nel fossato, per il quale – come dichiarato dal sindaco – si sta valutando assieme al Consorzio di bonifica Piave un’operazione di drenaggio, lavoro atteso da anni.

Se sembra dunque risolto l’horribile visu del fossato, è tuttavia emerso un altro problema, relativo al sistema delle chiuse presso la “Busa dee moneghe”, di fronte all’entrata di Fracarro Radioindustrie, dove i motori a controllo remoto delle tre paratie che regolano il flusso d’acqua nel fossato hanno subito un guasto. «Delle tre paratie, una è governata manualmente, mentre le altre due sono chiuse. In caso di piogge eccezionali potranno essere aperte manualmente, in modo da evitare allagamenti» ha assicurato il sindaco.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Leonardo Sernagiotto

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×