24 giugno 2021

Lavoro

Formazione: dall'ambiente al digitale, conclusa I ed. Scuola Politica 'Vivere nella Comunità'.

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Roma, 10 mag. (Labitalia) - Si è conclusa con successo la prima edizione della Scuola Politica “Vivere nella Comunità”, il prestigioso percorso di studi interdisciplinare promosso da Pellegrino Capaldo, Marcello Presicci e Paolo Boccardelli insieme ad alcune delle personalità più importanti del nostro Paese come Sabino Cassese, Gabriele Galateri, Bernardo Giorgio Mattarella, Bianca Farina, Stefano Lucchini, Massimo Lapucci e Giulio Anselmi.

Durante i 6 mesi di lezione la Scuola Politica ha ospitato 50 differenti docenti per un totale di circa 100 ore di alta formazione interdisciplinare ed apartitica. Le lezioni hanno spaziato dalla politica all’economia, dall’ambiente al digitale, dalla geopolitica alla comunicazione e dalla salute al lavoro. Alle selezioni erano giunti oltre 300 curricula di giovani ragazzi e ragazze, ne sono stati selezionati 30. Carlo Messina, ex-allievo di Pellegrino Capaldo, a cui la Scuola Politica “Vivere nella Comunità” ha affidato la lectio magistralis lo scorso anno, ha sottolineato la grande importanza di un’iniziativa volta ad aumentare la preparazione dei giovani, non solo nella sfera politica e civica, ma anche in quella economica e finanziaria.

“Siamo molto soddisfatti di questa prima edizione avviata durante l’anno della pandemia –ha affermato Marcello Presicci, segretario generale e membro fondatore dell’iniziativa-. Con spirito di servizio abbiamo formato 30 giovani mettendoli in contatto con dei docenti straordinari, sostenendo gratuitamente il loro percorso di crescita formativa in un momento storico complesso. Come ha affermato il presidente del Consiglio, Mario Draghi, serve investire nell’istruzione e nei giovani. Sono due settori essenziali per la crescita del nostro Paese. Noi facciamo questo".

“Il nostro Paese ha bisogno di riscoprire il valore della competenza e della centralità del servizio allo Stato e alla comunità -prosegue Paolo Boccardelli, presidente del Supervisory Board della Scuola-. Il progetto è incentrato su questo. I ragazzi che hanno frequentato la nostra Scuola Politica incarnano perfettamente questi valori e sono pronti a contribuire alla rinascita e al rilancio del Paese in questa fase di ricostruzione dopo l’emergenza pandemica". L’iniziativa formativa, gratuita grazie al sostegno economico delle imprese e delle fondazioni coinvolte come Intesa Sanpaolo, Ferrovie dello Stato, Poste Italiane, Generali, A2A, Iren, Fondazione Crt, Fondazione CdP, Fondazione Compagnia di San Paolo e Citigroup, intende contribuire al dibattito civile e politico, elaborando attraverso i suoi partecipanti e i docenti coinvolti, analisi sulle problematiche che riguardano il nostro Paese.

L’obiettivo, oltre a formare gli studenti, è quello di individuare attraverso un ciclo di incontri promossi dal supervisory board, delle linee guida utili al mondo istituzionale, finanziario e politico. E’ previsto un seminario il prossimo 3 giugno dal titolo “Pnrr e Recovery Fund. Come rilanciare il Paese?” . In questo senso la Scuola Politica ha già avviato un’interlocuzione con il ministro per la Pubblica Amministrazione, la Banca d’Italia, Feduf e Fondazione Crt, per dar vita a dei progetti e delle sinergie concrete fra gli studenti e le parti coinvolte.

Nella Scuola Politica “Vivere nella Comunità” sono presenti figure istituzionali di primissimo piano come gli attuali ministri alla Giustizia, Marta Cartabia, e alle Infrastrutture, Enrico Giovannini e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Roberto Garofoli, oltre a ex ministri come Giuliano Amato, Sabino Cassese e Francesco Profumo. La prossima edizione prenderà il via il 19 Novembre con lezioni previste sia in presenza, nella sede di Piazza Navona a Roma, sia attraverso piattaforma digitale. Per inviare la candidatura è necessario consultare il bando presente sul sito www.scuolapoliticanuovomillennio.it.

 



AdnKronos

Annunci Lavoro

Cerchi o offri lavoro? Accedi al servizio di quice.it. Seleziona tipologia e provincia per inserire o consultare le offerte proposte!


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×