10 luglio 2020

Treviso

Festa "ristretta" a Treviso: vietato bere fuori dai plateatici fino a metà luglio

Il sindaco Conte proroga l'ordinanza, multe per esercenti e clienti da 400 a 3mila euro

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

movida treviso

TREVISO - L’ordinanza sul consumo di bevande fuori dai locali e dai plateatici è prorogata per altre due settimane.

Lo ha deciso oggi, martedì 30 giugno, il sindaco Mario Conte con la firma dell’ordinanza che obbligo fino al 14 luglio i gestori e gli avventori, rispettivamente, di somministrare e consumare bevande entro le aree autorizzate all’interno dei locali e nei plateatici. La decisione di mantenere la misura, in vigore a Treviso da una decina di giorni, ha l’obiettivo di contenere assembramenti e confusione in vista delle disposizioni anti Covid.

“Il bilancio di questi 10 giorni è decisamente positivo - ha detto il sindaco Conte - Per questo abbiamo ritenuto, in accordo con le associazioni che rappresentano i commercianti e i gestori dei locali, di mantenere l’ordinanza fino a metà luglio”.

Quindi, ancora per 15 giorni sono previste multe dai 400 ai 3.000 euro per chi servirà e consumerà bevande fuori dagli spazi dei plateatici dalle 21 alle 3, oltre alla chiusura dell'attività in caso di accertata responsabilità del gestore del pubblico esercizio.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×