20 giugno 2021

Cronaca

Festa clandestina a Rieti, agenti aggrediti con pinze e coltello

E' successo ieri pomeriggio, irruzione della polizia dopo le segnalazioni dei vicini

|

|

polizia

RIETI - Hanno fatto irruzione in un appartamento nel centro cittadino di Rieti su segnalazione di alcuni vicini infastiditi dalla musica alta e dagli schiamazzi ma, una volta all'interno sono stati aggrediti con pinze e coltelli da due fratelli aiutati da una donna. E' successo domenica pomeriggio, quando gli agenti della Squadra Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Rieti, dopo una richiesta arrivata al 113, sono entrati nella casa in via del Porto, dove era in corso una festa tra diverse persone.

 

I due fratelli di 30 e 32 anni, entrambi già noti per reati contro il patrimonio e contro la persona, si sono scagliati contro i poliziotti prima a parole e poi fisicamente, colpendoli con delle pinze e un coltello da cucina. Ad aiutarli una loro amica di 43 anni. I fratelli sono stati arrestati dagli stessi poliziotti, feriti non in maniera grave, per violenza, minaccia, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, mentre l'amica è stata denunciata con le stesse accuse.

 

Sanzionate per violazione delle norme anti Covid-19 le altre persone all'interno dell'appartamento, tra le quali anche gli inquilini del piano di sotto.

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×