30 luglio 2021

Castelfranco

"I fenomeni estremi del clima sono il nostro presente"

"Per Asolo" organizza un ciclo di incontri con al centro il torrente Muson, in collaborazione con Legambiente del Trevigiano e l'Associazione Pescatori "La Rocca d'Asolo" 

| Maria Elena Tonin |

immagine dell'autore

| Maria Elena Tonin |

Torrente Muson

ASOLO- Ambiente e valorizzazione della biodiversità nel quotidiano: il Movimento "Per Asolo" con il patrocinio del comune di Asolo,  organizza un ciclo di incontri con al centro il torrente Muson, in collaborazione con Legambiente del Trevignano e l'Associazione Pescatori "La Rocca d'Asolo." 

"Decliniamo le linee guida dell'Europa per quanto riguarda l'ambiente, per poi arrivare sperimentare che la biodiversità di cui si parla è di tutti ed è molto quotidiana - spiega Fabio Tullio resposabile di Piavenire e del circolo di Legambiente di Treviso - il riscaldamento globale dei mari ha un impatto anche nel nostro quotidiano e se partiamo dalla consapevolezza che l'essere umano rappresenta lo 0,3% di tutto ciò che esiste nel mondo, ci relazioneremo in modo diverso con quanto ci circonda. Queste iniziative sono uno strumento concreto per capire quanto siamo connessi con il nostro esterno e provare a dre qualche spiegazione a fenomeni che ci hanno scosso, come il Vaia ma non solo  per poi capire che la biodiversità non è solo in Amazzonia ma anche nel torrente che accompagna le nostre passeggiate domenicali o ci sta sotto casa."

L'Osservatorio Cittaclima  di Legambiente, dal 2010 a fine ottobre 2020 ha registrato sulla mappa 946 fenomeni estremi in 507 comuni: "Come dimostra la nostra esperienza comune e molti episodi che appartengono alla memoria collettiva recente - conclude Tullio - questi eventi non sono più "eventi eccezionali" o che capitano lontano. Sono il presente, anzi direi, il nostro presente."

Il primo appuntamento "Siamo ambiente" è domani alle 20.30 in diretta con Fabio Tullio e Leonardo Zabotti, studente universitario, sempre attivista di Legambiente, mentre martedì 20 aprile alle 20.30 gli asolani Gino Favrin, naturalista, e Moreno Zanesco dell'Associazione pescatori La rocca di Asolo" racconteranno la biodiversità del torrente Muson, sia per quanto riguarda la vegetazione che gli animali. 

Gli incontri sono in streaming sulle pagine Fb e you tube del Movimento per Asolo e l'iniziativa è realizzata con il patrocinio del comune di Asolo.

 

https://www.legambiente.it/comunicati-stampa/rapporto-cittaclima-2020-gli-impatti-decennali-del climate-change-sui-nostri-centri-urbani/

 


| modificato il:

foto dell'autore

Maria Elena Tonin

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×