22/02/2024nubi sparse

23/02/2024rovesci di pioggia

24/02/2024pioggia debole e schiarite

22 febbraio 2024

Calcio

Calcio

Fatture false, sequestrati documenti all'Hellas Verona 

Setti indagato, l'inchiesta reggiana su una 'cartiera'. La società: "Non è stata effettuata alcuna perquisizione né nella sede né altrove" 

| Ansa |

| Ansa |

Fatture false, sequestrati documenti all'Hellas Verona 

VERONA - Una società 'cartiera', con sede nel modenese, creata con l'unico scopo di emettere fatture per operazioni inesistenti a favore di altre società realmente operanti tra le quali ci sarebbe, secondo quanto ipotizzato dalla Procura e dalla Guardia di Finanza di Reggio Emilia, anche l'Hellas Verona Football Club Srl. Tanto che le Fiamme Gialle sono state questa mattina nella sede del club e il nome del patron della società scaligera Maurizio Setti è stato iscritto nel registro degli indagati. La visita nella sede della società è servita per acquisire e sequestrare dei documenti contabili: l'ammontare delle fatture emesse a favore del Verona, secondo le indagini, è infatti di circa 360.000 euro. Gli investigatori vogliono dunque verificare se la cifra è stata inserita e come in contabilità. La società al centro dell'inchiesta, 'Dal Worldwide Distribution', ha come oggetto sociale dichiarato "attività di concessioni pubblicitarie". Ma secondo le indagini, che riguardano in particolare gli anni di imposta 2018 e 2019 e in tutto contestano una frode fiscale da 10 milioni, si tratta di una realtà priva di una qualsiasi struttura operativa e commerciale, oltre che evasore totale.

Tra le 22 società coinvolte nell'operazione di Gdf e Polizia 'Cyrano', ce n'è anche una che si occupa di manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori, riferibile a Matteo Bonini, reggiano, ex pilota di motocross. Un'altra, con sede a Novara, possiede la licenza per gestire due canali sportivi sulla piattaforma Sky (la tv risulta essere totalmente estranea ai fatti), mentre la somma più ingente per le operazioni presunte inesistenti è quella di 1,5 milioni da parte di una società edile di Cavola di Toano, nell'Appennino Reggiano, che vede indagato il rappresentante legale, un 47enne nato a Scandiano.

E poi ancora un 44enne nato a Castelnovo ne' Monti, titolare di una ditta di manutenzione macchine a Casalgrande che avrebbe dedotto 800.000 euro tra 2018 e 2019 (il biennio a cui si riferisce l'inchiesta). Infine, tre società sportive. "Non è stata effettuata alcuna perquisizione né nella sede né altrove", ha precisato il Verona Calcio, dopo le prime notizie emerse in mattinata. Il Club - prosegue la nota pubblicata sul sito ufficiale - ha spontaneamente messo a disposizione le proprie risultanze contabili relative ai rapporti con detta società, che consistono nella ricezione di sole tre fatture relative al periodo di imposta di quattro anni fa e comunque di modesto importo". "La contestazione, si specifica ulteriormente in corso di verifica, potrebbe equivalere a circa 50.000 euro" evidenzia l'Hellas. "In ogni caso, si smentisce in maniera categorica che l'oggetto dei documenti fiscali richiesti attenga a contratti di sponsorizzazione, argomento di cui nessuno ha mai parlato", conclude il club.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 



Ansa

Altri Eventi nella categoria Calcio

Scudetto 2022, Milan campione d'Italia
Scudetto 2022, Milan campione d'Italia

Calcio

I rossoneri vincono 3-0 sul campo del Sassuolo, inutile il successo dell'Inter contro la Sampdoria

Scudetto 2022, Milan campione d'Italia

ITALIA - Il Milan vince lo scudetto 2021-2022 ed è campione d'Italia.

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×