03/12/2021poco nuvoloso

04/12/2021pioviggine

05/12/2021pioggia debole e schiarite

03 dicembre 2021

Treviso

Fase 2: si può tornare in montagna

Il Soccorso Alpino avverte: "Massima prudenza ed osservare le misure di contenimento del contagio da Coronavirus"

| Matteo Ceron |

immagine dell'autore

| Matteo Ceron |

escursione

TREVISOSi può ritornare in montagna, anche se bisogna rispettare le regole per limitare la diffusione del Coronavirus. Lo sottolinea il Soccorso Alpino, che avverte gli appassionati delle escursioni: “Con la possibilità di riprendere a spostarsi per attività sportiva e motoria, individuale o con componenti del nucleo familiare, invitiamo alla massima prudenza e a osservare le misure di contenimento del contagio da Coronavirus previste”.

 

Si può fare attività fisica all’aperto e anche raggiungere luoghi distanti da casa, come le mete in montagna, seppur stando all’interno dei confini regionali. “Da oggi, 4 maggio, sarà possibile riprendere a praticare attività fisica e sportiva all'aperto, raggiungendo luoghi anche distanti da casa, sempre inclusi all'interno dei confini regionali – sottolinea il Soccorso Alpino -. Si potrà quindi tornare in montagna”.

 

Ma attenzione, massimo rispetto delle norme e massima prudenza. “Ricordiamo a tutti i frequentatori della montagna che la Fase 2 appena iniziata deve vederci partire con assoluto rispetto delle norme vigenti, gradualmente e all'insegna della prudenza – raccomanda il Soccorso Alpino -. Al riguardo sconsigliamo di muovervi da soli; informate sempre qualcuno dei vostri spostamenti e tempi presunti di rientro, avvertendo in caso di cambiamenti nel programma. Usciamo da quasi due mesi di scarsa attività, quindi ripartite con uscite alla portata, senza superare i vostri limiti”.

 

I rifugi ed i bivacchi sono ancora chiusi e ci si può andare solo per emergenze. “I rifugi continuano ad essere chiusi, i bivacchi possono accogliere le persone solo in caso di emergenza – chiude -. L'accesso equivale all'assunzione di responsabilità per l'utente del rischio di contagio da Covid-19, non essendo luoghi controllati”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Matteo Ceron

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×