19/07/2024poco nuvoloso

20/07/2024pioviggine e schiarite

21/07/2024possibili temporali

19 luglio 2024

Nord-Est

Farmaci scaduti ai pazienti e uso anomalo della sala operatoria, medici denunciati 

Accertamenti guardia di finanza nel nosocomio di Asiago. Il commento dell'Uss 7: "Fatti avvenuti diversi anni fa"

| Ansa |

| Ansa |

Farmaci scaduti ai pazienti e uso anomalo della sala operatoria, medici denunciati 

ASIAGO - La guardia di finanza di Vicenza ha denunciato due dirigenti medici dell'ospedale di Asiago uno per peculato e somministrazione di medicinali scaduti e per aver usato per proprio conto una sala operatoria mentre l'altro per falso ideologico avendo fatto delle ricette senza aver visto i pazienti.

L'indagine dei finanzieri di Bassano del Grappa e di Asiago, si è focalizzata sui due medici, ora non più alle dipendenze dell'Ulss 7 Pedemontana, circa l'anomalo impiego di prodotti e dispositivi medicali nonché dell'utilizzo, per fini privati, della sala operatoria del nosocomio asiaghese. Gli accertamenti, fatti anche con perquisizioni, hanno portato a scoprire nell'abitazione e nello studio privato di uno dei due indagati farmaci della struttura sanitaria che il medico si era indebitamente appropriato. Inoltre è stato accertato che alcuni di questi medicinali, anche scaduti, venivano somministrati ai pazienti. Il medico inoltre avrebbe usato, in numerose occasioni, la sala operatoria dell'ospedale di Asiago per effettuare interventi operatori di pazienti visitati nei suoi studi privati, in regime di "extramoenia".

Il professionista è stato quindi denunciato peculato e somministrazione di medicinali guasti. Inoltre, per favorire l'intervento operatorio dei pazienti visitati privatamente all'interno della struttura ospedaliera, l'indagato si era avvalso anche della collaborazione di un dirigente medico iche avrebbe falsamente formato diverse prescrizioni mediche senza aver mai visitato il paziente. Per questo è stato denunciato per falso ideologico. Il danno verificato, per il reato di peculato, è di 331.000 euro.

La Direzione dell'ULSS 7 Pedemontana, in una nota, " ringrazia il comando provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza per l'operazione condotta dai militari del Gruppo di Bassano del Grappa e della Tenenza di Asiago, relativa a fatti avvenuti diversi anni fa". "Uno dei due medici coinvolti - precisa la nota - aveva già avuto un procedimento di sospensione e non lavora più per l'Azienda, a seguito di licenziamento. Per l'altro medico coinvolto, attualmente in servizio, è già stato avviato un procedimento disciplinare. L'azienda, che ha collaborato attivamente con le indagini, - conclude - continuerà ad assicurare il massimo supporto all'Autorità Inquirente e, in relazione agli sviluppi giudiziari, attiverà ogni iniziativa a difesa degli interessi pubblici che è chiamata a tutelare".


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Ansa

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×