14/08/2022velature lievi

15/08/2022pioviggine e schiarite

16/08/2022parz nuvoloso

14 agosto 2022

Lavoro

Facebook Spera Di Lanciare La Propria Valuta Digitale

|

|

Facebook Spera Di Lanciare La Propria Valuta Digitale

Facebook, Inc. (FB) spera di lanciare la sua criptovaluta il prossimo anno.

David Marcus, capo di Facebook Financial ha detto al pubblico al festival FinTech di Singapore che spera che la società possa partecipare al cambiamento del settore dei servizi finanziari lanciando Diem, la valuta digitale proposta da Facebook per l'uso sul suo social network e Novi, il portafoglio di accompagnamento per la sua blockchain Libra, sulla sua piattaforma.

Il lancio della piattaforma è subordinato al fatto che Facebook ottenga le necessarie approvazioni normative per operare in più giurisdizioni.

Attualmente, l'associazione Libra è in attesa del permesso dalle autorità di regolamentazione svizzere per lanciare una stablecoin sostenuta dal dollaro.


Facebook sta richiedendo tutte le autorizzazioni

"Non credo che ciò che stiamo chiedendo sia solo una fiducia immediata. Penso che... quello che stiamo chiedendo è almeno di avere il beneficio del dubbio", ha detto Marcus.

Il Financial Times aveva precedentemente riferito che Facebook prevedeva di lanciare le sue criptovalute nel gennaio 2021. La società aveva inizialmente pianificato di lanciare la valuta e il portafoglio proposti durante l'estate di quest'anno.

David Marcus, capo di Facebook Financial, ha affermato di sperare che la società sarà in grado di lanciare la sua valuta digitale e il suo portafoglio il prossimo anno, in attesa dell'approvazione normativa.

Marcus ha detto di sperare che le autorità di regolamentazione diano al progetto di Facebook "il beneficio del dubbio" durante l'esame del caso.

Il progetto è stato oggetto di controversie da quando è stato annunciato nel 2019 e ha subito notevoli cambiamenti di scala e composizione.

Se sei intenzionato ad investire nella nuova criptovaluta di Facebook (quando sarà disponibile), o ad iniziare da quelle esistenti, puoi iniziare ad iscriverti ad una piattaforma di trading affidabile come bitcoin loophole.


Un cambiamento di visione

Da giugno 2019, quando Facebook ha annunciato i suoi piani per il lancio di una valuta digitale, l'azienda ha subito un intenso contraccolpo da parte delle autorità di regolamentazione di tutto il mondo.

L'ambizioso progetto ha subito molteplici iterazioni e cambiamenti, dall'uscita di partner di alto profilo come Mastercard Incorporated (MA) e PayPal Holdings, Inc. (PYPL) a un recente sforzo di rebranding progettato per allontanare il progetto dal colosso dei social media e la sua reputazione di violare i diritti alla privacy.

Forse la trasformazione più importante è stata quella della visione dell'azienda per Libra. Quando è stata annunciata, Libra era concepita come una piattaforma open source e una stablecoin gestita centralmente, ovvero una moneta che non oscilla nel suo prezzo, da utilizzare sui social network.

Quel piano ha sollevato i problemi della comunità crittografica e dei regolatori allo stesso modo.

Il primo ha sostenuto che il piano di Facebook non era un vero progetto di criptovaluta perché non era decentralizzato, mentre politici ed economisti hanno sollevato lo spettro della criptovaluta del social network minando le valute nazionali, soprattutto nei paesi meno sviluppati.

Il rifiuto di Marcus di impegnarsi in un'adeguata supervisione normativa o in un progetto pilota supervisionato dalle autorità di regolamentazione si è ulteriormente aggiunto all'accoglienza ostile del progetto da tutte le parti.

Da allora ci sono stati notevoli cambiamenti. Libra avrà ora una serie di stablecoin supportate da valute legali dei rispettivi paesi. L'uscita dal progetto di partner di alto profilo significa anche che avrà un'utilità e un prestigio notevolmente inferiori rispetto a quanto originariamente pianificato.

Il progetto dovrà inoltre essere conforme alle normative nelle giurisdizioni in cui opera.


Beneficio del dubbio

Durante l'apparizione alla conferenza, Marcus ha indicato la partnership di Facebook con altre società come prova che il progetto era un'iniziativa decentralizzata.

"Penso che sarebbe difficile trovare qualsiasi azienda che lo abbia fatto nella storia recente costruendo qualcosa, investendo una notevole quantità di risorse in esso, e poi dicendo ok, lasceremo il nostro potere qui"

ha detto, aggiungendo che le "complicazioni nel esecuzione" della visione di Facebook erano "una buona ragione" per le autorità di regolamentazione per concedere al progetto il beneficio del dubbio in termini di intenzione.

 



Annunci Lavoro

Cerchi o offri lavoro? Accedi al servizio di quice.it. Seleziona tipologia e provincia per inserire o consultare le offerte proposte!


Dello stesso argomento

immagine della news

23/10/2021

Facebook, nuove accuse da ex dipendente

Il whistleblower accusa il colosso Usa di pensare ai profitti piuttosto che controllare i messaggi d'odio e la disinformazione. A rilevarlo è il 'Washington Post'

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×