01/12/2021sereno

02/12/2021pioggia debole

03/12/2021poco nuvoloso

01 dicembre 2021

Castelfranco

Facchinetti in concerto a Castelfranco, fondendo pop e musica sinfonica

I brani del cantante e tastierista dei Pooh saranno eseguiti in un inedito arrangiamento curato dal maestro Diego Basso

| Leonardo Sernagiotto |

immagine dell'autore

| Leonardo Sernagiotto |

Roby Facchinetti e Diego Basso

CASTELFRANCO - Ormai manca poco per il concerto di Roby Facchinetti, storico cantante e tastierista dei Pooh, che si terrà domani sera, venerdì 27 agosto a Castelfranco, presso i giardini del castello di fronte a piazza Giorgione, con le mura medievali a fungere da suggestiva scenografia.

Sarà un concerto che vedrà Castelfranco non solo come fondale, ma anche come protagonista nel campo musicale. In questo progetto denominato non a caso Roby Facchinetti Symphony, l’artista bergamasco eseguirà i propri brani in un inedito arrangiamento sinfonico del maestro Diego Basso, fondatore dell’Art Voice Academy, con il coinvolgimento dell’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, dei vocalist Sonia Fontana, Barbara Lorenzato, Giuseppe Lopizzo, Matteo Simioni e del Coro Pop Art Voice Academy.

«Ho voluto riportare alla purezza originaria le straordinarie partiture di Roby Facchinetti, – racconta il maestro Basso – riscoprendone l’essenza, spogliandole di tutta la componente elettrica e percussiva moderna per esaltarne le melodie e le armonie originarie, riportandole a casa, potremmo dire, e trasformarle in un momento di sinfonia pura. Riallacciandosi alla tradizione operistica classica, il concerto si aprirà con un’Overture che porterà il pubblico all’interno di questo nuovo mondo sifonico. Su questa nuova tessitura orchestrale si inseriranno poi la voce di Roby Facchinetti e il suo pianoforte, che, insieme all’arpa, costituiranno gli unici strumenti armonici presenti».

Il pubblico avrà dunque occasione di ascoltare, in questa versione inedita, brani entrati nella storia della musica italiana, quali “Uomini Soli”, “Pierre”, “Noi due nel mondo e nell’anima”, “La Donna del mio amico”, “Chi fermerà la musica”, “Pensiero”, “Ci penserò domani”, “Un mondo che non c’è”, “Poeta” “Parsifal”, “Rinascerò, rinascerai”. Quest’ultimo brano, composto da Facchinetti con testi del compianto Stefano D’Orazio e vero inno al risorgere dopo i lutti della pandemia, fu eseguito a Castelfranco l’anno scorso, nell’ultimo giorno del lockdown, con il cantante accompagnato dall’arrangiamento sinfonico curato dal Maestro Basso.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Leonardo Sernagiotto

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×