23/05/2022pioggia e schiarite

24/05/2022possibili temporali

25/05/2022pioggia debole e schiarite

23 maggio 2022

Treviso

Estorsioni e rapine con metodo mafioso, arrestato in Svizzera

In manette un 45enne calabrese che aveva abitato in provincia di Treviso

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

foto d'archivio

TREVISO - I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Treviso, all’esito di prolungata attività d’indagine svolta in collaborazione con personale del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia di Roma, della polizia del Canton Ticino e dei colleghi dell’Arma di Novara, hanno rintracciato e tratto in arresto S.B., 45enne di origini calabresi già dimorante nel trevigiano, sul quale pendeva un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Trieste nello scorso mese di febbraio.

L’uomo doveva infatti espiare, a seguito di sentenza di condanna divenuta definitiva, 5 anni e 4 mesi di reclusione per i reati continuati di estorsione, rapina e incendio, aggravati dal metodo mafioso, commessi in concorso con altri correi in provincia di Pordenone negli anni 2012 e 2013.

La vicenda aveva visto quali parti lese alcuni imprenditori pordenonesi che erano stati a lungo minacciati, intimiditi (avevano subito anche un incendio presso un’abitazione di proprietà) e ai quali erano state estorte ingenti somme di denaro.

Lo stato di soggezione delle vittime e il timore di pesanti ritorsioni provocati dall’attività criminosa posta in essere dal catturando in concorso con i suoi complici erano stati di tale gravità che l’Autorità Giudiziaria aveva configurato a carico dei rei l’aggravante del “metodo mafioso”.
Gli investigatori dell’Arma erano da tempo sulle sue tracce, le cui ricerche erano state estese anche in ambito internazionale. Grazie alla collaborazione della polizia cantonale svizzera l’uomo è stato localizzato nello Stato d’oltralpe ed infine rintracciato dagli operanti, proprio nelle ore scorse, in provincia di Novara, presso l’abitazione di un congiunto, dove probabilmente il Bitonti aveva fatto temporaneo rientro dall’estero in vista delle imminenti Festività natalizie.

Al termine delle formalità di rito l’arrestato è stato associato al carcere di Novara, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante.

 



Gianandrea Rorato

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

25/05/2021

'Ndrangheta, boss Morabito catturato dal Ros in Brasile

Era il numero due nella lista dei 100 latitanti più ricercati dopo Matteo Messina Denaro. I carabinieri erano sulle sue tracce dal 2019, dopo l'evasione dal carcere di Montevideo. Preso a insieme a Vincenzo Pasquino

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×