19/06/2024sereno

20/06/2024poco nuvoloso

21/06/2024possibili temporali

19 giugno 2024

Italia

Esplosione Suviana, trovata la sesta vittima

Enel Green Power: "Nessuna catena di subappalti"

|

|

Esplosione Suviana, trovata la sesta vittima

Suviana - Ritrovato il corpo di un altro disperso, è Alessandro D'Andrea. Salgono così a 6 le vittime dell'esplosione, avvenuta nella centrale a Bargi, nei pressi del lago di Suviana nel bolognese. I soccorritori sono ancora alla ricerca dell'ultimo disperso.

 

In mattinata, oggi, i Vigili del Fuoco hanno rinvenuto altri due corpi al nono piano sotto il livello dell'acqua. Uno è quello di Adriano Scandellari, l'operaio di 57 anni dipendente di Enel Green Power, premiato lo scorso anno con la stella al lavoro dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L'altra vittima è Paolo Casiraghi.

 

Le operazioni di ricerca sono riprese oggi dopo che ieri erano state sospese perché l'acqua all'interno continuava a salire e non c'erano le condizioni di sicurezza per intervenire. In via di stabilizzazione oggi l’afflusso d’acqua nei piani allagati della centrale, situazione che ha consentito la ripresa delle operazioni. La procura di Bologna ha aperto un'inchiesta. A quanto si apprende le ipotesi di reato sono disastro colposo e omicidio colposo.

 

Enel Green Power: nessuna catena di subappalti

 

Dal canto suo l'amministratore delegato di Enel Green Power Salvatore Bernabei ha assicurato che "non c'è nessuna catena di subappalti. Le aziende hanno scelto in autonomia. Non meritiamo questo tipo di affermazioni". "Non c'era nessun problema di sicurezza, era un intervento programmato, era un aggiornamento tecnologico degli asset", ha aggiunto nel corso del punto stampa sull'incidente, ribadendo che "in questa situazione non si possono fare verifiche, a tempo opportuno si faranno tutti gli accertamenti necessari". Al momento, ha poi aggiunto, "stiamo collaborando con i vigili del fuoco, dandogli tutti gli elementi tecnici per poter accedere".

 

Rabbia dei sindacati

 

Le segreterie nazionali di Fiom-Cgil e Uilm-Uil esprimono solidarietà e vicinanza alle famiglie degli operai deceduti e dispersi, ai lavoratori feriti, auspicando che sia fatta piena luce sulla dinamica di questa tragedia.

 

L'esplosione e i danni

 

Come ha spiegato il sindaco di Bologna, Matteo Lepore, "la struttura viene considerata non in pericolo di crollo, ma molte delle stanze sono allagate". Tutto, secondo la ricostruzione del sindaco, sarebbe avvenuto a "circa 70 metri profondità, dove c'è stato un incendio" alla turbina e "il crollo strutturale di un solaio, delle tubature che si sono aperte e hanno inondato le camere".

 

Enel Green Power fa intanto sapere che continuerà a dare ogni forma di collaborazione alle autorità preposte per accertare i fatti. L’amministratore delegato, Salvatore Bernabei, ieri si è recato immediatamente sul luogo per coordinare di persona le attività aziendali in raccordo con le autorità competenti. Nella centrale erano in corso lavori di efficientamento che Enel Green Power "aveva contrattualizzato con tre aziende primarie, Siemens, ABB e Voith". Da quanto ricostruito, "il collaudo del primo gruppo di generazione era già terminato nei giorni scorsi e, al momento in cui è avvenuto l’incidente, era in corso il collaudo del secondo gruppo".

 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×