01/12/2021nubi sparse

02/12/2021pioggia debole

03/12/2021poco nuvoloso

01 dicembre 2021

Valdobbiadene Pieve di Soligo

"Eroina dei poveri" nei giardini di Pieve di Soligo, il chiarimento dei farmacisti dopo le offese sui social

Il presidente dell’ordine rigetta indignato le accuse mosse sui social alla categoria

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

PIEVE DI SOLIGO – Il dottor Giuseppe Losego, presidente dell’Ordine dei farmacisti della provincia di Treviso fa alcune importanti precisazioni, relativamente al caso che vi avevamo segnalato del ritrovamento di diverse scatole di Rivotril (nota come “eroina dei poveri”) nei giardinetti di Pieve di Soligo.

“… questo Ordine intende chiarire che le farmacie non possono esimersi dallo spedire una ricetta medica correttamente compilata, come stabilito dall’art. 38 del Regio Decreto 30 settembre 1938, n. 1706, né possono confutare le indicazioni del medico prescrittore, come ribadito anche dalla Cassazione C. n. 8073/2008”: spiega il presidente, a tutela del lavoro di tanti professionisti che operano con serietà.

Losego conclude quindi: “… l’operato dei colleghi è riconducibile a precise norme, che sono state rispettate, e non certo dar seguito alle polemiche sorte sui social media. Ritengo, infatti, che solo tramite la conoscenza della normativa vigente si possa interrompere il dilagare di ingiustificati commenti diffamatori, offensivi e denigratori per la categoria che rappresento e smontare il castello di carte di chi cerca a tutti i costi il “complotto” e la facile polemica”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttrice responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×