19/07/2024parz nuvoloso

20/07/2024possibili temporali

21/07/2024possibili temporali

19 luglio 2024

Cronaca

Enorme coccodrillo minaccia la comunità: catturato, cucinato e mangiato

L'animale è stato preparato per un banchetto tradizionale per tutta la cittadina

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

coccodrillo

AUSTRALIA - In una scena che sembra uscita da un film una piccola comunità remota nel territorio del Nord dell’Australia ha abbattuto, cucinato e mangiato un coccodrillo lungo 3,6 metri. Questo enorme rettile, che aveva seminato il terrore nella cittadina attaccando animali domestici e mettendo in pericolo i bambini, è stato considerato un "rischio significativo per la comunità" e quindi eliminato dalle autorità locali, nonostante le leggi che proteggono questa specie.

La decisione di abbattere il coccodrillo è stata presa dalla polizia di dopo che il rettile aveva mostrato comportamenti particolarmente aggressivi, inseguendo sia bambini che adulti fuori dall'acqua. Secondo quanto riportato dalla CNN, il coccodrillo aveva anche divorato diversi cani, aumentando ulteriormente il timore tra i residenti. Una volta ucciso, l'animale è stato preparato per un banchetto tradizionale, un evento che ha riunito l'intera comunità.

Il sergente Andrew McBride ha descritto l'evento alla ABC come "una festa piuttosto grande, parecchie pance piene". La coda del coccodrillo è stata trasformata in una zuppa, mentre altre parti sono state cotte sul barbecue, avvolte in foglie di banana. In Australia, sia i coccodrilli d'acqua salata che quelli d'acqua dolce sono specie protette dal 1971, quando le leggi federali hanno vietato la caccia per prevenire la loro estinzione. Tuttavia, quando un coccodrillo rappresenta un pericolo concreto per la popolazione, è permesso eliminarlo.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×