24 luglio 2021

Treviso

Energia: “Si restituiscano alle imprese trevigiane oltre 50milioni di accise pagate in bolletta”

Sartor, Confartigianato Treviso:"E’ quanto mai urgente trovare una soluzione tempestiva per l’individuazione dei rimborsi per le imprese"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

energia elettrica

TREVISO - È urgente che si avvii un confronto ai tavoli ministeriali per la restituzione a tutte le imprese artigiane delle accise impropriamente applicate sulle bollette dell’energia elettrica nel biennio 2010-2011. Un importo pari a 3,4 miliardi di euro a livello nazionale, di cui oltre 50 milioni da destinare alle imprese della Provincia di Treviso.

“In una situazione complessa e delicata come quella attuale il ritorno alle aziende di quanto loro dovuto risponde a equità e rappresenta un'iniezione di liquidità che non può più essere rinviata”, ribadisce Vendemiano Sartor, presidente Confartigianato Imprese Marca Trevigiana. “E’ quanto mai urgente trovare una soluzione tempestiva per l’individuazione di un percorso che porti al riconoscimento automatico dei rimborsi per le imprese dai consumi ridotti senza costringerle a intraprendere azioni legali nei confronti dei fornitori, con l’aggravio di ulteriori costi”.

Confartigianato inoltre è intervenuta con una proposta emendativa al Decreto Ristori, recepita da tutte le forze politiche, per la riduzione dei costi dell’energia elettrica. In particolare delle voci “trasporto e gestione del contatore” e “oneri generali di sistema”, che pesano per oltre il 60%. “Il provvedimento, se approvato definitivamente, dovrebbe rimandare a un successivo intervento di Arera, l’autorità di regolazione per l’energia reti e ambiente, che dovrebbe predisporre un regolamento che indichi le modalità di riduzione della spesa sostenuta dalle utenze elettriche non domestiche connesse in bassa tensione”.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×