29/02/2024pioggia debole

01/03/2024pioggia debole

02/03/2024pioviggine e schiarite

29 febbraio 2024

Castelfranco

Emergenza idrica: il Comune di Vedelago richiama l’attenzione sull’utilizzo dell’acqua

Firmata l’ordinanza sindacale finalizzata a limitare l'utilizzo dell'acqua potabile per scopi strettamente civili.

| Leonardo Sernagiotto |

immagine dell'autore

| Leonardo Sernagiotto |

Consumo acqua

VEDELAGO – La situazione di siccità che sta colpendo anche la nostra provincia e le persistenti sfavorevoli condizioni meteoclimatiche, caratterizzate da perdurante scarsità di precipitazioni, hanno spinto il sindaco di Vedelago, Cristina Andretta, a firmare l’ordinanza sindacale finalizzata a limitare l'utilizzo dell'acqua potabile per scopi strettamente civili, così da preservarne l'uso e fronteggiare le potenziali criticità nella fornitura idrica.

Commenta il vicesindaco, Marco Perin: “L’attuale emergenza idrica che sta colpendo tutto il nostro territorio a causa delle scarse piogge e dell’aumento delle temperature, ci ha spinto a pubblicare un’ordinanza che promuova un uso responsabile della risorsa idrica da parte dei cittadini. Con essa intendiamo sensibilizzare la cittadinanza ad intraprendere azioni di contenimento dei consumi e di razionalizzazione degli sprechi, prediligendo usi accorti, consapevoli e limitati dell’acqua orientati a soddisfare i soli concreti ed essenziali fabbisogni umani. Serve l’impegno di tutti e confido che i vedelaghesi comprendano il messaggio adottando comportamenti adeguati”.

L’ordinanza impone a tutti gli utenti del Servizio Idrico Integrato un uso estremamente accorto dell'acqua fornita dal pubblico acquedotto. Agli utenti di tipo domestico del Servizio Idrico Integrato è ordinato di impiegare l'acqua fornita dal pubblico acquedotto esclusivamente per gli usi alimentari ed igienico-sanitari e alla collettività il divieto di impiegare acqua potabile fornita dall’acquedotto pubblico per le seguenti attività pubbliche e private (lavaggio di cortili e piazzali; lavaggio domestico di veicoli a motore; il riempimento di vasche da giardino, fontane ornamentali e simili; innaffiare i giardini). L'inosservanza delle disposizioni è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Leonardo Sernagiotto

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

18/04/2023

Emergenza idrica!

Le falde scendono, le sorgenti vanno in secca. E a patire di più è l’area montana tra Vittorio Veneto e Fregona

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×