04 agosto 2021

Nord-Est

Elisoccorso, l’Ulss affida il servizio a ditta per 22 milioni

All’interno del contratto di fornitura con Babcock sono compresi la fornitura dell’elicottero, dei piloti e del personale tecnico

|

|

elisoccorso

BELLUNO - Martedì è stato deliberato l’affidamento del servizio di elisoccorso per l’Ulss Dolomiti, per 6 anni e per un importo totale di 22 milioni di euro, alla ditta Babcock Mission Critical Services, che si è aggiudicata i due lotti della “gara a procedura aperta per l’affidamento del Servizio di Elisoccorso in favore delle Aziende Sanitarie” di Regione Veneto espletata da Azienda Zero.

All’interno del contratto di fornitura con Babcock sono compresi la fornitura dell’elicottero, dei piloti e del personale tecnico e di una serie di servizi accessori come l’antincendio e la gestione delle elisuperfici degli ospedali.

Alla base HEMS di Pieve di Cadore sono in corso lavori per un totale miglioramento degli standard di sicurezza e funzionalità con un investimento di 3 milioni di euro. Il cronoprogramma attuale prevede il termine dei lavori a novembre 2021. Una volta ultimati i lavori, saranno avviate le pratiche amministrative per l’autorizzazione ENAC, iter che richiederà diverse settimane.

L’Azienda, quindi, con successivo provvedimento, avvierà il contratto con Babcock per il servizio di volo notturno e per la gestione della base HEMS di Pieve di Cadore.

La Regione Veneto, in questa fase, sta avviando il volo notturno dalla base HEMS di Treviso che servirà anche il territorio dell’Ulss Dolomiti, anticipando la partenza del servizio utile per il periodo estivo in cui è prevista maggiore affluenza nelle vallate.

L’Azienda ha già avviato la ricognizione delle piazzole notturne e sta verificando la possibilità di coprire maggiormente il territorio con ulteriori basi, in particolare nelle aree più distanti dalle strutture sanitarie.
 

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×