22/05/2024pioggia e schiarite

23/05/2024possibili temporali

24/05/2024pioggia debole e schiarite

22 maggio 2024

Politica

Elezioni Sardegna: è testa a testa Todde-Truzzu

Il divario tra i due è minimo: la candidata del Campo largo è leggermente in vantaggio sull'avversario del centrodestra

|

|

Elezioni Sardegna: è testa a testa Todde-Truzzu

E' in corso lo spoglio delle schede nelle 1.884 sezioni distribuite nei 377 Comuni della Sardegna per le elezioni regionali. Con 183 sezioni scrutinate su 1.844 Alessandra Todde, candidata del Campo largo, resta in vantaggio con il 45,9% su Paolo Truzzu, candidato del centrodestra, al 45,2%. Il divario tra Todde e Truzzu è dunque minimo. Renato Soru è al 7,9% e Lucia Chessa all'1%.

 

Secondo le direttive della Regione le operazioni sono partite dalla conta dei voti per i candidati presidente. Ci vorranno ore dunque prima che la Sardegna sappia chi dovrà guidarla per i prossimi cinque anni tra Truzzu (centrodestra), Todde (Campo largo), Soru (Coalizione sarda) e Chessa (Sardigna R-esiste).

 

A Baradili Todde batte Truzzu, è il paese più piccolo della Sardegna

 

I numeri a Baradili sono minuscoli, perché è il paese più piccolo della Sardegna, ma qui Alessandra Todde ha battuto Paolo Truzzu. Il sindaco di Cagliari aveva scelto simbolicamente di cominciare da qui la sua campagna elettorale, ma non è bastato per convincere quel corpo elettorale che ha le dimensioni di un condominio. Nel paesino dell'Oristanese hanno votato 48 dei 73 aventi diritto al voto e la candidata del Campo largo ha incassato il 48,9% (22 voti) mentre Paolo Truzzu si è fermato al 42,2% (19 preferenze). Solo tre voti per Renato Soru (6,7%) e uno solo per Lucia Chessa (2,2%).

 

Affluenza

 

Sono stati 758.252 i votanti (affluenza del 52,4%) che ieri si sono presentati ai seggi tra le 6.30 e le 22. Dopo la conta dei voti ricevuti dai quattro candidati a prendere il posto di Christian Solinas si passerà al conteggio dei voti di lista e infine le preferenze ricevute dai consiglieri. Non si escludono problemi durante gli scrutini perché la legge elettorale in vigore in Sardegna permette di esprimere la doppia preferenza di genere (due candidati di sesso diverso, ma della stessa lista) e c'è anche la possibilità del voto disgiunto (indicando un candidato consigliere di una lista e il presidente sostenuto da un'altra coalizione).

 

L'affluenza alle Regionali 2024 della Sardegna si è attestata dunque al 52,4%. Su 1.447.753 aventi diritto sono stati 758.252 i cittadini che si sono recati alle urne. Cinque anni fa il dato fu del 53,74%.

 

La medaglia d'oro per l'affluenza spetta a Torralba, in provincia di Sassari: qui ha votato il 75,5% degli elettori, 584 su 774. Sul podio delle preferenze al secondo posto c'è Buddusò che chiude con l'affluenza al 72,9%: su 3027 aventi diritto si sono presentati in 2.206 ai seggi. Il Nuorese porta a casa la medaglia di bronzo: a Lodine ha votato il 72,8%, solo in 75 su 276 hanno disertato i seggi.

 

Nuoro registra invece l'affluenza maggiore tra le principali città sarde: il 60%. Nel capoluogo barbaricino, città della candidata del Campo largo Alessandra Todde, alle Regionali del 2019 aveva votato il 57,20%. Il dato cittadino traina quello dell'intera circoscrizione: nel Nuorese ha votato il 56,4% degli elettori, cinque anni il dato si fa era fermato al 53,18.

 

A Cagliari città hanno votato 79mila elettori, che rappresentano il 55,32% degli aventi diritto. Nel capoluogo sardo di cui è sindaco Paolo Truzzu, candidato del centrodestra alla guida della Regione, nella tornata elettorale del 2019 aveva votato il 58,97%.

 



 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×