27 gennaio 2020

Vittorio Veneto

Ecco il discorso integrale di Santantonio censurato tre volte in consiglio comunale

L'intervento aveva creato il caos durante la seduta di mercoledì

commenti |

commenti |

Ecco il discorso integrale di Santantonio censurato tre volte in consiglio comunale

VITTORIO VENETO - In consiglio comunale il consigliere di FI è stato censurato per ben tre volte dal presidente del consiglio Silvano Tocchet, durante il suo intervento di risposta al consigliere Graziano Carnelos. Santantonio, accusato di diffondere notizie false (“fake news”), stava leggendo uno scambio di mail tra un cittadino vittoriese e il consigliere Pd.

 

Di seguito riportiamo il testo integrale del discorso del forzista, che non è mai riuscito a completare la propria riposta. Le prime due interruzioni sono arrivate per “essere andato fuori tema”, la terza per una frase sul whisky – che nelle intenzioni di Santantonio voleva essere “ironica e retorica” – che ha creato il caos in consiglio.

 

Mi permetto qui di leggere, dopo avere avuto il consenso di farlo, l’email che un cittadino ha scritto al consigliere Carnelos il 14 luglio scorso, riguardante il tema dell’asilo:

Buongiorno Sig. Carnelos, come cittadino di Vittorio Veneto esprimo la mia volontà affinché l'asilo nido resti di proprietà e gestione esclusiva comunale. I bambini non devono essere messi a bilancio. L'asilo Nido, fiore all'occhiello per il Comune da 50 anni, deve restare come e dove è. Considerando quanto sopra descritto, le chiedo la cortesia di conoscere la sua opinione in merito al problema.

 

A questa email , il consigliere Carnelos così rispondeva lo stesso giorno, sempre via email:

Sono della stessa opinione e mai l'amministrazione ha avuto l'intenzione di "cedere" l'asilo nido. Ma si sa per creare scompiglio e polemiche ogni pretesto è buono. Ma il tempo è galantuomo e farà emergere i seminatori di fake news

Cordialità

 

Dalla risposta del collega Carnelos prendiamo quindi atto con sorpresa che l’ipotesi di cessione dell’asilo nido dal comune al Cesana altro non sarebbe stata se non una cosiddetta “fake new” vale a dire una notizia falsa, come si usa dire da chi pratica la rete. Quindi, come se il protocollo di intesa comune Cesana fosse frutto di un abile provocatore che riesce a spacciare per vere notizie false anche al Gazzettino, Tribuna, Oggi Treviso e Quindicinale.

 

E finendo per tenere tutti noi qui, con decine e decine di cittadini, a parlarne come gonzi raggirati fino a notte inoltrata la sera di lunedì 29 maggio scorso. Consigliere D’Arsiè , mi dica e lo dica anche al consiglio comunale: a lei risulta che l’ipotesi di cessione dell’asilo al Cesana fosse una fake new? Ed altrettanto risulta a lei consigliere Fiorin? La prego, ce lo dica.

 

A questo punto due sono le ipotesi. Nel redigere la risposta al cittadino che ho appena letto il consigliere Carnelos: 1) O si era appena tracannato un intera bottiglia di whisky scozzese, ed allora va umanamente compreso e cristianamente perdonato; 2) Oppure più verosimilmente era sobrio e quindi gli si deve dire con fermezza: “consigliere Carnelos si vergogni”

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×