02/12/2021pioggia

03/12/2021poco nuvoloso

04/12/2021pioviggine

02 dicembre 2021

Esteri

Due ultime frontiere: lo spazio e il mare profondo

Il freddo gelido, l'oscurità eterna e lo spirito di scoperta creano una forte connessione tra l'esplorazione dello spazio e le profondità del nostro oceano.

| Richard Brewer |

immagine dell'autore

| Richard Brewer |

Oceano e spazio

Oceano e spazio

USA - Il 20 luglio 1969 Neil Armstrong è diventato il primo essere umano nella storia dell'umanità a salire sulla superficie della Luna. Non solo siamo riusciti a raggiungere la Luna, ma abbiamo riportato gli uomini dell'Apollo 11 sani e salvi sulla Terra. Poi lo abbiamo fatto di nuovo... altre cinque volte.

Lo spazio, l'ultima frontiera, è stato a lungo riconosciuto come il massimo dell’esplorazione ... di conseguenza sappiamo di più su Marte di quanto sappiamo sui nostri oceani. I nostri oceani, che coprono il 71% della superficie terrestre, rimangono per lo più invisibili agli occhi umani con oltre il 95% non mappati, inosservati e inesplorati. Un mondo che dobbiamo ancora capire, pieno di meraviglia e mistero, con incredibili paesaggi marini e creature aliene.

Pressione schiacciante, freddo gelido e oscurità eterna; la parte più profonda dell’oceano. Solo gli strati superiori dell'oceano sono illuminati. La "zona di luce solare" si estende fino a 200 metri dove la luce svanisce e inizia ufficialmente il mare profondo. L'ulteriore discesa è attraverso sfumature di blu fino a quando l'oscurità inghiotte tutto. Blu sopra. Nero sotto. La “zona crepuscolare” si estende da 200 metri a 1.000 metri. Al di sotto di essa scompare tutta la luce del sole. Ancora più profonda è la “zona di mezzanotte” che raggiunge i 4.000 metri seguita dalla “zona abissale” che scende fino a 6.000 metri. Una notte permanente riempie questo mondo. C'è solo oscurità e occasionali lampi di luce bioluminescente creati dalla vita stessa. In fondo, 4,83 km (tre miglia) più in profondità della zona abissale si trova la zona di Hadal, nota anche come "Trincee"... lunghi e stretti canyon che contengono le parti più profonde del fondo oceanico.

Più di 550 persone hanno orbitato attorno alla Terra e 12 persone hanno camminato sulla Luna. Tuttavia, fino al 2020 solo sette persone erano state nella parte più profonda dell'oceano a circa 11 chilometri (sette miglia) sotto la superficie.

Il 23 gennaio 1960, l'oceanografo svizzero Jaques Piccard e il tenente della marina statunitense Don Walsh raggiunsero la parte più profonda dell'oceano, il punto più profondo della Terra ora noto come "Challenger Deep". Situati nella parte inferiore della Fossa delle Marianne nel Pacifico occidentale a circa 322 km (200 miglia) a sud-est di Guam e quasi 11 km sotto la superficie, hanno scoperto un mondo alieno diverso da qualsiasi altro e un luogo in cui nessun essere umano nella storia era stato prima.

Il loro veicolo per immersioni era il Bathyscaphe Trieste. Progettato da Augustus Piccard e costruito a Trieste, Italia, era originariamente gestito dalla Marina francese ma venduto alla Marina degli Stati Uniti nel 1958. Consisteva in una sfera pressurizzata per l'equipaggio fissata sotto uno scafo lungo 18 m (50 piedi) riempito con 22.000 galloni di benzina per il galleggiamento (la benzina è più leggera dell'acqua ed è effettivamente incomprimibile, quindi galleggia e non viene schiacciata).

Nella sfera angusta e pressurizzata i due uomini si stringevano insieme, muovendosi appena mentre scendevano. Ci sono volute quattro ore e 47 minuti per raggiungere il fondo a una profondità di 10.916 metri. Dopo soli 20 minuti di esplorazione hanno iniziato una salita di 3 ore e 15 minuti completando la loro missione di 8,5 ore.

Il successo della squadra “Trieste” non è stato più rimesso in discussione per 52 anni. Poi, il 26 marzo 2012, James Cameron si è tuffato in solitario nel suo sommergibile “Deep Sea Challenger” ed è diventato solo la terza persona nella storia a raggiungere una profondità di 10.898 metri, poco meno del record di Trieste. Dopo una discesa di due ore e 36 minuti, ha trascorso 3 ore esplorando e filmando il fondo e una salita di 1 ora e 10 minuti per un tempo totale della missione di sei ore e 46 minuti.

Il record di Trieste è stato mantenuto fino al 28 aprile 2019, quando un'immersione in solitario di Victor Vescovo nella sua stessa imbarcazione denominata "Limiting Factor" ha raggiunto una profondità di 10.925 metri …16 metri più profonda di Trieste. È stato anche in grado di trascorrere quattro ore esplorando il fondo, il tempo più lungo mai trascorso sul fondo da un individuo.

Lo spazio può essere l'ultima frontiera, ma il mare profondo, una delle poche parti rimaste del mondo relativamente incontaminate dall'attività umana, è davvero l'ultima frontiera del nostro pianeta. Il fondo del mare profondo è l'ambiente più ostile sulla Terra, per molti versi persino più ostile dello spazio, ed esplorarlo richiede la stessa esperienza dell'esplorazione dello spazio. C'è una forte connessione tra l'esplorazione dell'oceano e dello spazio, sia in termini di tecnologia che di spirito di scoperta.

La tecnologia dei sottomarini è migliorata così tanto dalle prime due pionieristiche immersioni che Victor Vescovo, al momento della sua discesa da record, ha affermato di vedere questo come l'inizio di un'età d'oro dell'esplorazione subacquea.

Seguendo l'esempio del turismo spaziale e dei voli spaziali commerciali avviati per le persone abbastanza ricche da permettersi un viaggio suborbitale su Blue Origin di Jeff Bezo o Virgin Galactic di Richard Branson, o un viaggio orbitale su SpaceX di Elon Musk, Vescovo sta realizzando il suo sommergibile "Limiting Factor" disponibile per avventurieri e scienziati che vogliono tuffarsi nel fondo di Challenger Deep.

Il 2020 ha visto altre 9 persone visitare Challenger Deep con Vescovo. Tra loro l'astronauta Kathryn D. Sullivan e l'alpinista Vanessa O'Brien, le prime due donne a visitare queste profondità. Sullivan è la prima donna al fondo e la prima persona a visitare sia lo spazio che il punto più basso della Terra. O'Brien è la prima donna a raggiungere sia il punto più basso che quello più alto della Terra; ha raggiunto la vetta dell'Everest a 8.850 metri di altezza (29.035 piedi) nel 2012. Lo spazio e le profondità del mare sono mondi separati, ma condividono lo stesso fascino. Gli umani hanno sempre voluto andare il più lontano possibile. Che si tratti dell'Everest, della Luna o di Challenger Deep. Sembriamo trovare un modo.

Nel 2021 altri 6 scesero con Vescovo. Nel marzo 2021, Nicole Yamase, una giovane micronesiana, è diventata la ventesima persona, la terza donna, la prima isolana del Pacifico e, all'età di 29 anni, la persona più giovane che abbia mai visitato Challenger Deep.

500 anni fa la superficie dell'oceano aperto era sconosciuta ed esploratori come Colombo hanno rischiato tutto per navigarla cercando di scoprire nuove terre. Oggi le profondità sottostanti sono ugualmente sconosciute. Questa era di missioni in acque profonde potrebbe davvero essere l'inizio di un'età d'oro dell'esplorazione subacquea.

***************** IN ENGLISH ****************

Two Final Frontiers: Outer Space and The Deep Sea
Frigid Cold, Eternal Darkness and the Spirit of Discovery makes for a strong connection between exploration of space and our ocean’s depths.

On 20 July 1969 Neil Armstrong became the first human in the history of mankind to step onto the surface of the Moon. Not only did we make it to the Moon but we returned the men of Apollo 11 safely back to Earth. Then we did it again … five more times.

Space, that final frontier, has long been recognized as the ultimate in exploration … as a result we know more about Mars than we know about our own oceans. Our oceans, covering 71% of Earth’s surface, remain mostly unseen by human eyes with more than 95% unmapped, unobserved and unexplored. A world we have yet to understand, full of wonder and mystery, with incredible seascapes and alien creatures.

Crushing Pressure, Frigid Cold and Eternal Darkness; the deepest part of the ocean. Only the top layers of the ocean are illuminated. The “sunlight zone” extends down 200 meters where light fades and the deep sea officially begins. Further descent is through shades of blue until darkness swallows everything. Blue above. Black below. The “Twilight zone” extends from 200 meters to 1,000 meters. Below that all sunlight disappears. Deeper still is the “midnight zone” reaching 4,000 meters followed by the “abyssal zone” down to 6,000 meters. A permanent night fills this world. There is only blackness, and occasional flash of bioluminescent light created by life itself. At the bottom, three miles deeper than the abyssal zone is the Hadal Zone, also known as the “Trenches” … long narrow canyons that contain the deepest parts of the ocean floor.

More than 550 people have now orbited Earth and12 people have walked on the Moon. Yet, until 2020 only seven people had been to the deepest part of the ocean some 11 kilometers (seven miles) below the surface.

On 23 January 1960, Swiss oceanographer Jaques Piccard and U.S Navy Lieutenant Don Walsh reached the deepest part of the ocean, the deepest point on Earth now known as “Challenger Deep.” Located at the bottom of the Mariana Trench in the western Pacific about 200 miles southeast of Guam and nearly 11 km below the surface they discovered an alien world unlike any other and a place no human in history had been before.

Their dive vehicle was the Bathyscaphe Trieste. Designed by Augustus Piccard and built in Trieste, Italy, it was originally operated by the French Navy but sold to the U.S. Navy in 1958. It consisted of a pressurized sphere for the crew attached beneath an 18 m (50 foot) long hull filled with 22,000 gallons of gasoline for buoyancy (gasoline is lighter than water and effectively incompressible so it would float and not be crushed).

In the cramped, pressurized sphere the two men huddled together, barely moving as they made their descent. It took them four hours and 47 minutes to reach bottom at a depth of 10,916 meters. After only 20 minutes exploring they began a 3 hour 15 minute ascent completing their 8.5 hour mission.

The accomplishment the “Trieste” team was not challenged again for 52 years. Then, on 26 March 2012, James Cameron made a solo dive in his “Deep Sea Challenger” submersible and became only the third person in history to reach a depth of 10,898 meters, slightly less than the Trieste’s record. After a two hour 36 minute descent he spent 3 hours exploring and filming the bottom and a 1 hour 10 minute ascent for a total mission time of six hours and 46 minutes.

The Trieste record held until April 28, 2019 when a solo dive by Victor Vescovo in his own vessel named “Limiting Factor” reached a depth of 10,925 meters …16 meters deeper than Trieste. He was also able to spend four hours exploring the bottom, the longest time ever spent on the bottom by an individual.

Space may be the final frontier but the deep sea, one of the few remaining parts of the world relatively untouched by human activity, is truly the last frontier on our planet. The bottom of the deep sea is the most hostile environment on Earth, in many ways even more hostile than space, and exploring it requires the same expertise as exploring space. There is a strong connection between ocean and space exploration, both in terms of technology and the spirit of discovery.

Submarine technology has improved so much since the first two pioneering dives that Victor Vescovo at the time of his own record breaking descent said he sees this as the beginning of a golden age of underwater exploration. Following the lead of Space Tourism and commercial spaceflight initiated for people who are wealthy enough to afford a suborbital trip on Jeff Bezo’s Blue Origin or Richard Branson’s Virgin Galactic—or an orbital journey on Elon Musk’s SpaceX, Vescovo is making his submersible “Limiting Factor” available to adventurers and scientists who want to dive to the bottom of Challenger Deep.

2020 saw another 9 people visit Challenger Deep with Vescovo. Among them Astronaut Kathryn D. Sullivan and Mountaineer Vanessa O’Brien, the first two women to visit these depths. Sullivan is the first woman to the bottom and first person to visit both space and the lowest point on Earth. O’Brien is the first woman to reach both Earth’s lowest point and its highest; she summited 29,035 foot Everest in 2012. Space and the depths of the sea are worlds apart, yet they share the same appeal. Humans have always wanted to go as far as possible. Whether it’s Everest, the Moon, or Challenger Deep. We seem to find a way.

In 2021 another 6 made the descent with Vescovo. In March 2021, Nicole Yamase, a young Micronesian, became the 20th person, the third woman, the first Pacific Islander, and at age 29, the youngest person yet to visit Challenger Deep.

500 years ago the open ocean surface was unknown and explorers like Columbus risked all to sail it seeking to discover new lands. Today the depths below are equally unknown. This era of deep sea missions may indeed be the beginning of a golden age of underwater exploration.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Richard Brewer

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×