02/12/2021pioggia

03/12/2021poco nuvoloso

04/12/2021pioviggine

02 dicembre 2021

Oderzo Motta

Due studentesse dell'ISISS Antonio Scarpa distintesi al Premio "Mario Bernardi"

Al premio si sono distinte due studentesse dei licei umanistici di Oderzo

| Manoel Maronese |

immagine dell'autore

| Manoel Maronese |

Premio Mario Bernardi

ODERZO - Si è celebrata domenica 17 ottobre 2021 la premiazione del concorso “Mario Bernardi”, evento culminante di tutta una settimana dedicata alla poesia in territorio opitergino. Nonostante i due anni bui che abbiamo attraversato, possiamo dire che il canto delle Muse ha trionfato sulla pandemia, a giudicare dall’affluenza e dall’interesse nei confronti dell’evento da parte di autorità civiche e personaggi locali di rilievo culturale.

Nel premio, che nel corso di sei anni è cresciuto sempre più raggiungendo anche una portata internazionale, si sono distinte due studentesse dell’ISSIS Antonio Scarpa, frequentanti i licei umanistici di Oderzo: sono state infatti segnalate, con declamazione pubblica dei loro componimenti, Pessotto Veronica, dell’ex 5X liceo linguistico (già vincitrice assoluta della sezione studenti nell’edizione 2019/2020), e Marta Spricigo, dell’attuale 5A scienze umane.

La prima ammette di non aver mai scritto poesie, ma di essersi voluta mettere alla prova con qualcosa di diverso dal solito: “la poesia è dedicata ad un’amicizia che è finita con un pesante litigio. Ho voluto trasmettere le sensazioni che provo quando vedo quella persona, soprattutto il disagio e il dolore”. Marta Spricigo, invece, ci racconta che, su proposta della sua insegnante prof. Anna Maso, ha partecipato “collegando il tema della lontananza al sentimento che può emergere in uno straniero, costretto ad abbandonare la propria terra per problematiche economiche o politiche, e alla sensazione di smarrimento e solitudine che ne deriva”.

“Le studentesse meritano tutta la nostra ammirazione”, afferma soddisfatto il dirigente Michele Giannini, poiché, pur essendo la poesia in questo momento un po’ svalutata, da sempre gli esseri umani ne hanno avuto bisogno: essa infatti, grazie alla sua natura polisemica, costituisce un arricchimento e permette di crescere e maturare.
 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Manoel Maronese

Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

16/10/2017

Premio Bernardi, ecco i vincitori

Domenica a Oderzo è andato in scena l'atto finale del prestigioso premio di letteratura in memoria dello scrittore opitergino

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×