01/12/2022velature estese

02/12/2022pioggia debole

03/12/2022pioggia debole

01 dicembre 2022

Castelfranco

Dopo il terrore a San Zenone ora è il momento delle lacrime e delle domande

Riese si stringe attorno alla famiglia di Mario Piva e intanto tutti si chiedono cosa ha spinto Steve alla follia?

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

San Zenone degli Ezzelini

SAN ZENONE DEGLI EZZELINI – “Posso salvare il mondo e chiedere scusa?” è una delle frasi deliranti pronunciate dopo l’arresto dal 19enne Steve Quintino che ieri per due ore ha seminato il terrore in diversi paesi dell’Asolano, investendo mortalmente un ciclista e ferendo diverse persone. Una corsa senza una ragione ma con conseguenze scioccanti per le comunità di Vallà di Riese Pio X, Altivole, San Zenone degli Ezzelini, Onè di Fonte e Loria che si è conclusa con l’arresto del giovane in evidente stato di alterazione mentale che gridava “Voglio la mia mamma”.

L’unica certezza in questa sconcertante vicenda è che Mario Piva, pensionato di 67 anni residente a Loria è morto davanti agli occhi attoniti della moglie Tiziana mente un sabato mattina come tanti stava andando in bicicletta a trovare la figlia ad Asolo. Travolto dall’auto guidata da Steve, che quella mattina ha rubato consecutivamente ben tre vetture, minacciando le donne a cui ha sottratto i mezzi di sparare con una fantomatica pistola che di fatto non aveva.

Complesso ricostruire la dinamica di quanto causato dalla follia delirante del ragazzo che ha investito mortalmente lo sfortunato Mario che si è trovato sulla sua strada ma ha anche ferito diverse persone nonché i carabinieri che cercavano di fermarlo. L’auto dei carabinieri, infatti, è stata speronata finendo ruote all’aria nel bel mezzo della strada in piano centro cittadino ma nonostante l’incidente e le ferite riportate i militari della stazione di Asolo sono usciti dal veicolo riuscendo a fermare Steve.

Un arresto volto a consegnare alla giustizia il giovane per quanto commesso ma anche a sottrarlo dalla folla che dava evidenti segni di rabbia. Dai diversi video che circolano in rete si può ben vedere come più di una persona abbia cercato di aggredire il ragazzo che con folle spavalderia rispondeva alle urla della gente, con frase senza senso, in presa al delirio.

Ma ecco cosa è accaduto di concreto? Sono da poco passate le 9.00 quando Steve ruba le chiavi di una Honda Civic a una donna di Altivole, si mette al volante, va precisato che non ha mai preso la patente di guida, e raggiunge San Zenone degli Ezzelini e investe Mario Piva. A questo punto ruba una seconda auto, un'Audi, con cui arriva fino al semaforo di Fonte: qui causa un altro incidente con un camion e diverse auto coinvolte. Quindi ruba una terza auto, una Ford Ka e sperona l'auto dei militari, ribaltandola.
 

LEGGI ANCHE

 

San Zenone, ruba tre auto, uccide un ciclista, sperona un'auto dei Carabinieri e urla: "Sta finendo il mondo"

 

Il ciclista investito mortalmente dal rapinatore di San Zenone era di Loria

 


Far West nella Marca, il 19enne non aveva la patente

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttrice responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

03/10/2022

"Mamma, ci vediamo in paradiso"

Steve Quintino, 19 anni, sabato mattina era fuori di sé: ha provocato tre incidenti di cui uno mortale. L'esame tossicologico è risultato positivo

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×