01/12/2022velature sparse

02/12/2022pioggia debole

03/12/2022pioggia debole

01 dicembre 2022

Esteri

Dopo la nascita del primo figlio il cervello degli uomini si rimpicciolisce

La scoperta dei ricercatori del Carlos III Health Institute di Madrid

| Stefania De Bastiani |

immagine dell'autore

| Stefania De Bastiani |

papà e bambino

SPAGNA - Il cervello degli uomini diventa più piccolo, quando mettono al mondo un figlio. La scoperta arriva dalla Spagna, dal Carlos III Health Institute di Madrid ed è stata pubblicata sulla rivista scientifica Celebral Cortex. I risultati dello studio, condotto su 57 uomini, hanno dimostrato che la materia grigia corticale e il volume del sistema visivo degli uomini subisce una riduzione dopo la nascita del loro primo figlio. Questo, secondo gli studiosi, avviene per rendere più facile ai genitori connettersi con il proprio figlio.

 

Che il cervello delle madri subisse modifiche durante e dopo la gravidanza, era già stato reso noto con vari studi. Ora, per la prima volta, emerge che anche i padri, nonostante non vivano direttamente la gravidanza, subiscono dei cambiamenti nel cervello. La ricerca è stata portata avanti da alcuni ricercatori guidati da Magdalena Martinez-Garzia. Quaranta uomini eterosessuali residenti in Spagna e negli Stati Uniti sono stati sottoposti a risonanza magnetica prima e dopo la nascita del loro primo figlio. Altri 17, che non sono diventati padri, hanno avuto lo stesso screening. I risultati hanno reso evidente un cambiamento della materia grigia corticale, area del cervello coinvolta nella comprensione sociale, e una riduzione del volume del loro sistema visivo.

 

Mentre i cervelli degli uomini che non sono diventati padri sono rimasti inalterati nel tempo, quelli dei soggetti diventati genitori hanno perso l’1 o 2% del volume corticale. Con un cervello “più piccolo” la connessione tra padre e figlio sarebbe più semplice, secondo l’ipotesi dei ricercatori, che in merito porteranno avanti altri studi.

 



foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×