22 gennaio 2021

Treviso

Dopo la manifestazione in Piazza dei Signori, gli imprenditori sotto le finestre di Zaia

Treviso Imprese unite insieme ai rappresentati di altre tre province hanno chiesto al Governatore garanzie sugli ulteriori 250 milioni stanziati dal Governo per le Regioni "gialle"

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

Dopo la manifestazione in Piazza dei Signori, gli imprenditori sotto le finestre di Zaia

TREVISO - Treviso Imprese unite, all’indomani della manifestazione in Piazza dei Signori il mese scorso, lo aveva promesso che sarebbe andata sotto le finestre dell’ufficio di Zaia se entro un certo tempo non avesse ricevuto una qualche risposta. E stamattina lo ha fatto. Insieme alle delegazioni delle associazioni di Belluno Padova e Venezia - che nei prossimi giorni confluiranno nella più ampia Imprese Veneto unite - ha atteso che il governatore Zaia terminasse la consueta conferenza stampa nella sede della Protezione civile per cominciare a scandire al megafono giù nel cortile le richieste raccolte in un manifesto che dopo aver illustrato al Prefetto avevano inviato anche allo stesso Zaia: credito di imposta sugli affitti fino a fine dell’emergenza; tempi certi di riscossione dell’ assegno della cassa integrazione; fondo di liquidità per pagare le spese fisse; la sospensione Tosap per tutto il 2021; l’azzeramento delle spese fisse per l’energia.

Il Presidente della Regione ha deciso allora di scendere per incontrare (come mostriamo nel video allegato) i rappresentanti delle imprese delle quattro province venete che, a dire il vero, non avevano preso benissimo l’esternazione del Governatore circa gli effetti delle restrizioni su determinate aziende e sul calcolo di un trentesimo di perdita del fatturato mensile a causa delle chiusure domenicali. Andrea Penzo Aiello, al termine dell’incontro estemporaneo con Zaia, ci ha raccontato al telefono che è confermato il contributo di 250 milioni di euro alle Regioni “gialle”: “Al Governatore abbiamo chiesto di non emanare ulteriori ordinanze restrittive fino a quando non giungerà quest’ultimo ristoro”. A è stata anche l’occasione - aggiunge Penzo Aiello - per consegnare direttamente nelle mani del Presidente del Veneto il nostro manifesto: ”Mentre stavamo rincasando, lo staff della Presidenza di ha telefonato per assicurarci che Zaia condivide le nostre rivendicazioni e che se ne farà promotore al tavolo Stato-Regioni”

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×